Dakar, primi test ufficiali per i nuovi bolidi ibridi di Audi e Prodrive

Si avvicina la scadenza della Dakar, il rally raid più importante dell’anno che anche il prossimo anno si terrà in Arabia Saudita, la Audi Prodrive ha presentato le sue auto

Dakar Audi
Un’immagine della Audi impegnata nei test in Marocco (Audi Prodrive Motorsport)

La Dakar 2022, in partenza il 2 gennaio da Ha’il, promette di essere un evento davvero storico. Il rally raid più famoso si lascia alle spalle l’edizione a scarto ridotto dello scorso anno a causa della pandemia, e si rilancia con una edizione ricchissima di novità.

Dakar, la Audi si prepara

I nuovi regolamenti della FIA hanno aperto la competizione ai nuovi bolidi ibridi della categoria T1-E, tra i quali quelli della Audi che ha investito una enorme quantità di denaro nel progetto. Auto di fatto completamente nuove da un punto di vista dinamico, meccanico e di propulsione. Le nuove 4×4 ibride avranno una sospensione da 350mm rispetto ai 280mm dello scorso anno, ruote ‘titanic’ da 37 pollici. Bolidi da due tonnellate.

La Audi ha effettuato i primi test a Banbury con le nuove auto allestite dalla Prodrive. Tutto nuovo, a cominciare dal telaio assemblato ad agosto. La carrozzeria in carbonio prodotta in house dal team è stata montata in tempo reale. I primi giri sono stati realizzati da Nani Roma e Alex Haro, più di 200 km di test sulle piste gallesi di Llanidloes nel Powys.

LEGGI ANCHE > Dakar: Peterhansel, Sainz ed Ekstrom con Audi, un dream team per la vittoria

Audi Rs Q E-Tron, il prototipo supera i test per la Dakar 2022
Audi Rs Q E-Tron, il prototipo supera i test per la Dakar 2022 (press)

Primi test nel deserto

L’auto è stata poi trasferita in Marocco per due settimane di test intensissimi con Carlos Sainz, Stephane Peterhansel e Mattias Ekstrom.

Sainz senior si è detto entusiasta: “La macchina è una bomba – ha detto Sainz, due mondiali rally e tre edizioni della Dakar – ha risposto brillantemente a qualsiasi test e siamo convinti che abbia ancora un margine di miglioramento importante. Ora portiamo il progetto a un livello successivo…”

Niente Rally del Marocco, giudicato prematuro dalla Audi, anche perché ci sarebbe stato un confronto con la Toyota ufficiale, molto più avanti nella programmazione. La Audi sarà in gara ad Abu Dhabi a novembre e al Rally Ha’il International a dicembre.

La sfida per la Dakar è ufficialmente lanciata.