Valentino Rossi, Rea gli dà ragione: “E’ un peccato”

Jonathan Rea, campione della Superbike, risponde a Valentino Rossi e alle sue dichiarazioni: “E’ un peccato”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

Se la MotoGP vede un campionato già quasi assegnato, con Quartararo in netto vantaggio rispetto a Bagnaia, in Superbike si sta assistendo al duello tra Jonathan Rea e Razgatlıoglu. Un testa a testa destinato probabilmente a decidersi all’ultima gara, un po’ come sta accadendo in Formula 1 tra Hamilton e Verstappen. Come l’inglese, anche Rea è un pluricampione del mondo avendo portato a casa sei titoli SBK. Razgatlıoglu, invece, è a secco di trionfi iridati e spera di poter rompere il digiuno quest’anno.

A commentare il duello c’è stato anche Valentino Rossi che ha spiegato di seguire la battaglia nella Superbike e si è poi soffermato su Rea, affermando che è un “grande peccato” che non sia mai riuscito a correre in MotoGP, se si escludono le due wild card nel 2012 (settimo e ottavo posto). Proprio a queste parole di Rossi ha risposto Rea in un’intervista ad ‘Autosport’.

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi e l’addio alla MotoGP: Guareschi ha una “certezza”

Valentino Rossi, Rea lo ringrazia

Jonathan Rea
Jonathan Rea (Getty Images)

Le parole di Valentino Rossi sono arrivate allo stesso Rea che ha ringraziato il pilota Yamaha: “E’ davvero bello ricevere queste parole da Rossi che è il più grande di tutti i tempi nel motociclismo“.

Rea continua: “A volta ci mandiamo messaggi dopo le gare: io sono un grande fan suo e di ciò che ha fatto in carriera“. Il pilota nordirlandese continua parlando proprio del suo mancato approdo in MotoGP: “E’ un peccato, non ne ho mai avuto la possibilità“. Il pilota Kawasaki ricorda le due gare disputate nel 2012 come come sostituto di Stoner in Honda: “Sono arrivato settimo e ottavo, niente male“.  Resta però l’interrogativo: “Cosa avrei potuto fare in MotoGP? Non lo so, ma non ho rimpianti“.