Max Verstappen meglio di Senna: il record ottenuto dal pilota Red Bull

Dopo la vittoria in Messico Max Verstappen ha superato uno storico record detenuto da Ayrton Senna e lega il suo nome alla storia Honda.

Max Verstappen F1 Red Bull
Max Verstappen (Foto LaPresse)

Max Verstappen lega indissolubilmente il suo nome alla Honda nella storia della Formula 1. L’olandese volante della Red Bull ha un solo obiettivo nella stagione 2021: completare il Mondiale con il doppio titolo mondiale piloti e costruttori. Sarebbe il modo migliore per il colosso giapponese di chiudere l’esperienza nel Circus: quando mancano quattro Gran Premi Max è avanti a Lewis Hamilton di 19 punti, mentre nella classifica team il marchio alato insegue Mercedes ad un solo punto di distanza.

Intanto Verstappen, dopo il successo in Messico, ha siglato un record di risonanza storica, superando per numero di vittorie la leggenda brasiliana Ayrton Senna con una monoposto Honda. Nono successo stagionale in questo campionato, mentre Senna nel 1998 si fermò a quota otto successi. Peccato che la Casa nipponica dirà addio alla Formula 1 al termine di questo Mondiale: Ayrton ha collezionato 30 vittorie “all-time” con il marchio, un traguardo che l’olandese non potrà mai eguagliare.

LEGGI ANCHE >>> Bottas, un regalo inaspettato dalla Mercedes: la foto con il cimelio della F1

In Brasile per blindare la leadership

Verstappen
Max Verstappen (Foto LaPresse)

Nelle ultime quattro gare Red Bull e Max Verstappen non vogliono fare calcoli, in Brasile si punterà ad un solo obiettivo: vincere. Il consulente della scuderia di Milton Keynes Helmut Marko non chiederà mai di alzare il piede dall’acceleratore al suo pupillo. “In Brasile vogliamo una doppietta. Cercare di salire soltanto sul podio e raccogliere punti non ha senso se si vuole vincere il Mondiale, Verstappen proverà a vincerle tutte“.

In Brasile ha vinto l’ultima edizione e proverà ad assestare il colpo del ko, ma Lewis Hamilton qui può vantare due vittorie e tredici anni fa a Interlagos mise sotto chiave il suo primo titolo iridato. “È difficile dire quanto saremo competitivi – ammette Verstappen -, nel 2019 abbiamo vinto la gara ma è stata una difficile battaglia fino alla fine e quest’anno sarà molto simile. Vediamo quali saranno le previsioni del tempo, perché questo può avere un certo impatto sulle prestazioni“.