Bonus Mobilità 2022: i requisiti per richiederlo e gli acquisti rimborsabili

Arriva il bonus biciclette 2022: come funziona, e come ottenerlo e un’importante novità da sapere. Su cosa vale e come fare la richiesta

Il bonus biciclette si rinnova anche per il 2022, ma con una importante novità. Il “vecchio” incentivo del 2021 cambia completamente formula: per quest’anno niente sconto diretto per chi acquista una bicicletta (normale o elettrica) o un monopattino. Le nuove misure che sono state varate dal governo per sostenere la mobilità verde sono retroattive. Per questa volta, infatti, si applicano soltanto per gli acquisti effettuati nell’anno solare 2020.

Bonus biciclette 2022, c'è una novità importante: come fare la richiesta
Bonus biciclette 2022, c’è una novità importante: come fare la richiesta (Getty)

Addio, quindi, allo sconto diretto in fattura o al momento dell’acquisto. Il nuovo bonus vale soltanto per i vecchi acquisti, ossia quelli effettuati più di un anno fa. L’incentivo sarà erogato sotto forma di credito d’imposta, o riduzione dell’imponibile. In sostanza si tratta di uno sconto sulle tasse. La cifra è al massimo di 750 euro, e vale per chi ha acquistato biciclette, e-bike, monopattini elettrici, ma anche servizi vari di mobilità elettrica, condivisione (sharing) e anche abbonamenti al trasporto pubblico. Il periodo valido è quello che va dal 31 agosto 2020 al 31 dicembre 2020, quindi il periodo non è esteso all’intero anno solare, ma solo alla seconda parte.

Arriva il bonus biciclette e monopattini 2022: come richiederlo

Decreto Infrastrutture
Monopattini (Foto: Getty Images)

In sostanza vale soltanto per i vecchi acquisti, per i quali bisognerà avere la documentazione necessaria a rendere valido e applicabile il bonus. Resta valida anche la rottamazione fatta in quel periodo, ma il bonus non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali dello stesso genere. Il governo ha stanziato 5 milioni per questi aiuti, riservati soltanto alle persone fisiche.

LEGGI ANCHE – Moto e Scooter, ecobonus 2022: a chi si rivolge il contributo per l’acquisto

I criteri, però, sono abbastanza rigidi. Perché occorrerà non solo aver acquistato un veicolo “green”, ma anche aver rottamato un mezzo di categoria M1, intestato da almeno 12 mesi dalla stessa persona che si è intestata il nuovo veicolo, oppure uno dei familiari conviventi. Ovviamente questo particolare riguarda solo i mezzi che richiedono di essere intestati.

LEGGI ANCHE – Revisione Auto: disponibile il bonus per il 2022: come richiederlo

La percentuale di credito d’imposta non è stata ancora resa nota, ma lo sarà entro 10 giorni dalla scadenza del termine per la domanda. Questa potrà essere presentata soltanto in via telematica dal 13 aprile 2022 al 13 maggio 2022, quindi c’è solo un mese di tempo. Il bonus può essere richiesto direttamente dalla persona interessata, o tramite un delegato.

Impostazioni privacy