Alex Zanardi, terminato un ciclo di cure a Ravenna: le condizioni

Novità sulle condizioni di Alex Zanardi arrivano da Ravenna dove l’atleta ha appena concluso un ciclo di cure: gli aggiornamenti

Dopo aver fatto ritorno a casa prima di Natale, continuano le cure per Alex Zanardi. L’ex pilota, vittima di un incidente il 19 giugno 2020 quando – alla guida della sua handbike – si scontrò con un camion, ha concluso un ciclo di cure nel centro iperbarico di Ravenna.

Alex Zanardi
Alex Zanardi © Ansa

Secondo quanto riferisce il ‘Corriere di Romagna’, ripreso da Gazzetta, Corriere della Sera e altri fonti, Zanardi si sarebbe sottoposto per tutto il mese di gennaio a un ciclo di cure con una particolare metodologia di intervento. Ora il ritorno a casa per qualche settimana poi, in primavera, è programmato un altro ciclo che dovrebbe però avere una durata più breve.  Nello stesso centro, nel quale Zanardi tornerà tra qualche settimana, nel 2010 fu curato Valentino Rossi dopo la frattura a tibia e perone nel 2010.

Proseguono quindi le terapie cui si sta sottoponendo Alex Zanardi per riprendersi dopo il terribile incidente di un anno e mezzo fa. Uno schianto che aveva fatto temere anche per la vita dell’ex pilota di Formula 1 che, ancora una volta, ha dimostrato tutta la sua forza. A parlare del ciclo di terapie appena concluso a Ravenna è Pasquale Longobardi, direttore del centro iperbarico.

Alex Zanardi, terapie a Ravenna: “Carica immensa”

Zanardi
Zanardi © Ansa

Longobardi ha affermato: “Alessandro è una persona con una carica immensa: posso dire che l’ha trasmessa lui a me. E’ arrivato con una grande voglia di lavorare: è stato un mese per noi, ma soprattutto per lui, impegnativo”. Tanto lavoro al termine del quale, spiega lo stesso direttore, l’ex pilota “aveva voglia di tornare a casa“.

LEGGI ANCHE – Alex Zanardi, la riabilitazione prosegue in un centro di Ravenna

Desiderio comprensibile ma che non ha frenato la voglia dell’atleta. Longobardi ha anche spiegato in cosa sono consistite le terapie a cui Zanardi si è sottoposto: “E’ una procedura medica più efficiente della fisioterapia classica. Il paziente è stimolato, mentre fa gli esercizi, da una miscela di ossigeno ed elio“.

LEGGI ANCHE – Lewis Hamilton, il messaggio a sorpresa del rivale: “Lo spero”

Un mese di terapia che, sempre in base a ciò che ha riferito il direttore del centro iperbarico di Ravenna, ha portato a dei risultati. Longobardi, tuttavia, non si è esposto sulle condizioni attuali di Zanardi. La certezza è che Alex non vuole affatto mollare.  Un campione immenso …