Mick Schumacher, l’ipotesi è affascinante: può sostituire un veterano

Potrebbe esserci una sorpresa nel futuro di Mick Schumacher in F1: arriva un’indiscrezione clamorosa in ottica 2023.

Ci sono tanti dubbi sul futuro di Sebastian Vettel, che ha un contratto in scadenza a fine 2022 e presto dovrà decidere cosa fare. L’ipotesi di un ritiro dalla Formula 1 è tutt’altro che da escludere.

Mick Schumacher
Mick Schumacher (Foto LaPresse)

L’ex pilota di Red Bull e Ferrari non si sta molto divertendo in questo campionato. Immaginava che l’Aston Martin sarebbe stata molto più competitiva. Già la prima stagione con il team di Silverstone lo aveva un po’ deluso, pertanto aveva la speranza che con il nuovo regolamento tecnico ci fosse la possibilità di essere più avanti.

Il quattro volte campione di F1 ha messo insieme solo 4 punti in questo inizio di Mondiale. Spera che la scuderia riesca a migliorare la macchina per consentirgli di fare risultati migliori di quelli visti finora. Altrimenti, l’addio sarà scontato.

Vettel e Aston Martin, possibile addio: arriva Mick Schumacher?

Aston Martin nelle scorse settimane ha detto di voler confermare Vettel, ma è consapevole della concreta possibilità di perderlo. Per questo deve anche pensare a come eventualmente sostituirlo. Dei nomi stanno circolando e quello di Fernando Alonso è tra i più chiacchierati.

Ma Motorsport.com lancia un’indiscrezione clamorosa: potrebbe essere Mick Schumacher a prendere il posto di Vettel. L’Aston Martin è molto interessata ad avere un pilota tedesco anche per ragioni commerciali, dato che punta molto sulla Germania per vendere le proprie auto.

Va detto che finora il figlio di Michael Schumacher non sta brillando in Formula 1 e che comunque è sotto contratto con la Ferrari. Più del passaporto sono importanti i risultati e va capito se, nel caso, la scuderia di Maranello libererà Mick per approdare in un team che non ha legami con il Cavallino Rampante.

Schumacher ora corre per la Haas e il team principal Gunther Steiner ha detto più volte di aspettarsi di meglio da lui. Il tedesco deve essere più in linea con i risultati del compagno di squadra Kevin Magnussen, che dopo un anno lontano dalla F1 è arrivato e lo ha battuto anche nettamente finora.

Rimane comunque viva l’ipotesi Alonso per Aston Martin, che lo aveva già cercato nel recente passato. Il due volte iridato potrebbe non rimanere con Alpine, ma va capito se possa essere interessato a trasferirsi in una squadra che adesso è meno competitiva.