Il problema delle auto elettriche? Sono ancora troppo care

14
Il problema delle auto elettriche? Sono ancora troppo care
Il problema delle auto elettriche? Sono ancora troppo care (Foto: Panorama.it)

Il problema delle auto elettriche? Sono ancora troppo care!

Oggi si dice molto sulle auto elettriche. La maggior parte dei produttori concentra i propri sforzi su questo tipo di mobilità e giorno dopo giorno vediamo arrivare più modelli, con un’offerta già ampia. Se da una parte è vero che le sue vendite sono ancora scarse, dall’altro possiamo dire che rappresentano oggi nel nostro Paese solo l’1%. Ciò può essere dovuto a diversi problemi, come la mancanza di infrastrutture o il suo prezzo elevato, qualcosa che si ripete anche in altri mercati.

In un recente studio internazionale, è stato rivelato che il prezzo dell’elettricità è, in media, superiore dell’81% rispetto ad altri veicoli a combustione interna. Questi dati devastanti provengono dal confronto dei prezzi delle vendite di auto nuove in 43 mercati in tutto il mondo durante la prima metà dell’anno. È una barriera difficile da superare per molti utenti, che non possono accedere a un veicolo elettrico nella maggior parte dei paesi.

Il problema delle auto elettriche? Sono ancora troppo care
Il problema delle auto elettriche? Sono ancora troppo care (Foto: FormulaPassion)

Se ci concentriamo sull’Europa, sul nostro continente e sul secondo mercato per volume di vendite di energia elettrica (la Cina è ancora in prima posizione), abbiamo una situazione curiosa. I rigidi obiettivi delle emissioni di CO2 rendono quasi obbligatorio abbracciare la mobilità elettrica, ma esiste ancora un prezzo medio elevato di $ 34.091 (30.910 euro). Sebbene questa sia la media relativa alle auto elettriche, c’è anche molta disparità in Europa, dal momento che la stessa macchina può costare 2,4 volte più in Norvegia che in Grecia, per esempio.

La stessa cosa accade in Nord America, con un prezzo medio di $ 35.614 (32.290 euro) per l’auto elettrica. Che sia relativamente più alto che in Europa corrisponde all’enorme popolarità che hanno i veicoli di grandi dimensioni lì, non essendoci quasi vetture elettriche compatte. D’altra parte abbiamo la Cina, il principale mercato di elettricità al mondo, con un’offerta molto diversa da quella che vediamo in altri paesi.

Ci sono molti produttori europei che concentrano i loro sforzi solo sul mercato cinese. Sono veicoli che non soddisfano gli standard di sicurezza dell’Europa o degli Stati Uniti e che hanno anche una qualità inferiore. Ciò significa che i loro prezzi potrebbero essere inferiori a quelli di altri mercati, ottenendo una media di $ 26.715 (24.222 euro). Si osserva inoltre che alcuni di questi modelli elettrici hanno un prezzo inferiore del 43% rispetto alla media del mercato, come nel caso del BYD Yuan, che parte da $ 15,279 (13.853 euro).

Pertanto, la Cina è all’avanguardia dell’elettricità anche grazie ai suoi prezzi, non mediamente elevati come in Europa o negli Stati Uniti. I produttori stanno lavorando per ridurre il divario nei prossimi anni, anche se devono ancora essere equiparati. Ci sono già alcuni di essi, come la Volkswagen ID.3, che vogliono avvicinarsi al consumatore, mentre ci sono altri lanci nel segmento B (come la Peugeot e-208 o la Opel Corsa-e) che aiuteranno a ridurre la tariffa media nel nostro continente.