Tecnologia: Troppa o troppo poca nelle nostre auto?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:22

Comoda, utile, ci tiene compagnia ci aiuta durante la guida, la tecnologia oggi nelle nostre auto è un fattore primario con il quale tutti conviviamo, ma è tutta necessaria o se ne potrebbe fare a meno?

tecnologia
touch screen (Foto: Youtube)

Tecnologia: Dalle utilitarie fino alle grandi motorizzazioni oggi possiamo trovare decine e decine di optional tecnologici tra cui poter scegliere, insieme a tanta tecnologia presente di serie che ci aiuta e ci viene in soccorso in tutte le fasi di assistenza alla guida.

Tra quelle “necessarie” e quelle che sono semplicemente optional siamo davvero sicuri che servano e siano richieste da tutti?

Proviamo ad analizzare ora i campi di applicazione dove la tecnologia ci viene in aiuto ed i relativi vantaggi per il guidatore:

Sicurezza: Per quanto concerne la sicurezza cominciamo col dire che la tecnologia se realmente utile e di protezione per il pilota non sarà mai abbastanza, quindi ben venga l’assistenza alla marcia, alla frenata, ESP, ASR, sensori pioggia per i tergicristalli, fari che seguono le curve, gli airbag e qualsiasi altra cosa serva a proteggerci e a proteggere gli altri.

Comfort: Oggi guidare è molto più rilassante e comodo rispetto al passato, dai sedili con le versioni riscaldabili, massaggianti, condizionatori divisi per zone, impianti Hi-Fi car incredibili e sistemi di infotainment che permettono ai passeggeri posteriori di vedere films o giocare con le consolle, il tutto fantastico, ad averne la possibilità…

Consumi e Natura: Oggi molte vetture hanno la possibilità di impostare il modo di guida, modalità che influiscono sul consumo del carburante, le tecnologie dei nuovi motori specialmente gli ibridi, fanno in modo che i consumi siano sempre minori per percorrere km, questo oltre che un piacevole risparmio economico favorisce l’ambiente con meno inquinamento e meno emissioni nocive, grazie anche ai nuovi sistemi di filtraggio per le polveri.

Sicurezza Veicolo: La tecnologia degli antifurti negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, oggi se ne trovano di tutti i tipi e per tutte le tasche, dai satellitari agli immobilizer fino ai semplici antifurti sonori, non a caso negli ultimi anni i furti d’auto hanno subito bruschi cali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Ferrari SF90 Stradale: il gioiello ibrido di Maranello (VIDEO)

D’altro canto, per tutte queste innovazioni tecnologiche c’è un prezzo da pagare, ed è proprio il prezzo delle vetture che inevitabilmente cambia, è inevitabile, e purtroppo a certi livelli alcuni optional non sono per tutti.

Tecnologia
The touch-screen control panel of the new Tesla Model S all-electric sedan (L), at the car’s unveiling in Hawthorne, California on March 26, 2009. Musk said the state-of-the-art, five-seat sedan will be the world’s first mass-produced, highway-capable electric car. The car has an anticipated base price of 57,400 US dollars but will cost less than 50,000 after a federal tax credit of 7,500 dollars. AFP PHOTO / Robyn BECK (Photo credit should read ROBYN BECK/AFP via Getty Images)

Il problema è che una parte della tecnologia presente nelle autovetture, dalle case costruttrici viene riconosciuta di serie, non opzionabile, il che porta ovviamente ad un rincaro del listino, non sempre gradito al cliente finale.

Altro lato negativo sono i costi di alcuni optional, costi proibitivi e spesso fuori mercato come ad esempio i navigatori satellitari di serie, o gli impianti Hi-Fi che in molto listini auto costano 2/3 volte in più volte rispetto a quelli che si trovano comunemente in commercio.

Altro dato da non sottovalutare è che la tanta tecnologia spesso rischia di distrarci dalla guida, pensiamo ad esempio ai nuovissimi schermi Touch Screen, che con tutti quei colori “rapiscono” la vista e invogliano il contatto.

Non tralasciamo inoltre anche i costi per le eventuali riparazioni, tanta tecnologia è sinonimo di tante centraline, ovvero tante possibilità di rottura…

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Maserati: 800 MLN di investimenti, per il “Tridente” il futuro è elettrico!