Mercato Auto, altro crollo vendite a maggio: i dati sulle immatricolazioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:57
78

Il Mercato Auto stenta a ripartire. Dopo l’ecatombe per il lockdown a marzo-aprile, a maggio lieve ripresa ma dati incomparabili con quelli dello scorso anno. Le associazioni di settore invocano interventi urgenti

Mercato Auto, le vendite a maggio
Mercato in crisi anche a maggio 2020 (Foto Wheelsage)

Il Mercato Auto annaspa anche a maggio. Dopo le vendite inesistente registrate nei due mesi di lockdown per la pandemia da Covid-19, il graduale ritorno alla normalità della Fase 2 non ha portato finora risultati di rilievo.

A maggio 2020, le immatricolazioni totali sono state 99.711, con una perdita cospicua di 98mila unità rispetto allo stesso mese del 2019. La perdita in percentuale è del 49.6%. Il calo, ovviamente, è generale e coinvolge tutti i canali di mercati, quello privato (-35% su base annua), il noleggio (-69%) e le società (-57%)

Potrebbe interessartiFiat 500e: tutte le novità sull’uscita dell’elettrica

La richiesta di aiuto di UNRAE

Dati preoccupanti, indubbiamente. Una precisazione ulteriore arriva da Daniele Crisci, presidente di Unrae, il quale oltre a ribadire che gran parte delle immatricolazioni di maggio si riferiscono ad auto già vendute nel periodo precedente il lockdown, rivolge un appello al Governo per intervenire quanto prima a sostegno del settore automotive

(WheelsAge)

Il sistema della distribuzione auto – spiega Crisci – resta attanagliato da una crisi di liquidità, appesantito da centinaia di veicoli rimasti nei piazzali e con le risorse del Decreto Liquidità ancora impigliate nella burocrazia. La mera riapertura dei concessionari non basta a far ripartire la domanda, con famiglie e imprese prostrate dal crollo dell’attività economica e con un futuro quanto mai incerto e fosco.”

Poi la richiesta di intervento al Governo. “Chiediamo – conclude Crisi – misure specifiche per il settore automotive con un programma teso a cambiare il vetusto parco auto circolante e  un regime fiscale pari a quello degli altri paesi europei a partire dalla detrazione dell’IVA sulle auto aziendali al 100%.”

Una richiesta condivisa da tutti gli operatori quella di Crisci. Il Governo lo ascolterà ? Al momento, gli interventi sono stati insufficienti e la crisi incombe sempre più impellente.

Leggi ancheSpostamenti tra regioni, cosa cambia in Italia dal 3 giugno