MotoGP Teruel, Dovizioso deluso da Ducati dopo le Libere: “Siamo fermi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:51

MotoGP Teruel. Andrea Dovizioso non è soddisfatto di come sono andate le prove libere, deluso per non aver riscontrato miglioramenti nella moto.

Andrea Dovizioso MotoGP Teruel
(Foto: Getty)

Il forlivese non si aspettava un così scarso rendimento dalla propria Ducati in questo secondo weekend di Aragon. Dovizioso, in particolare, credeva che il proprio team avesse fatto progressi importanti, soprattutto alla luce del GP precedente dove non era riuscito ad ottenere il massimo dalla sua Desmosedici. Invece, miglioramenti non ce ne sono stati e il pilota non ha potuto fare altro che rimanere deluso.

Deluso perché la sua squadra è rimasta immobile, mentre gli altri sono cresciuti, distaccando in pista il Dovi:Non siamo andati indietro noi, sono gli altri ad essere andati avanti“. Un gap che difficilmente riuscirà a recuperare in questo fine settimana spagnolo, come da lui stesso affermato, e motivo per cui l’obiettivo per stavolta sarà riuscire ad arrivare almeno tra i primi dieci, anche se proprio questo è il problema.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Dovizioso, ancora tensione con Petrucci: il retroscena sul viaggio in aereo

MotoGP Teruel, Dovizioso e lo scarso feeling: “Non riesco a fare niente”

Andrea Dovizioso Ducati MotoGP
(Foto: Getty)

Dovizioso ha confermato i problemi delle Ducati con il vento, che si sta rivelando un nemico costante: “Il vento non ci ha aiutato, le Ducati lo soffrono. Le Honda invece sono a posto, con il passo migliore. Poi ho avuto anche dei problemi e non ho usato la gomma morbida, come Miller e Bagnaia, ma il gap è troppo forte, anche se penso che potremo lottare per accedere in Q2“.

Un obiettivo davvero troppo poco ambizioso per il pilota di Forlimpopoli, che rincara la dose: “Il punto è che il nostro obiettivo è lottare al vertice, non per la top 10. Per farlo dobbiamo essere più veloci“.

Va peggio della scorsa settimana – spiega il Dovi sconsolato – vediamo se cambierà qualcosa sabato, perché sappiamo di poter fare meglio, ma il gap sul piano del passo è davvero grande. L’umore di questo periodo poi non aiuta, ma il problema principale è il feeling con la moto che non va, non ti fa frenare aggressivamente, né sfruttare la gomma, né farti sentire a posto“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> MotoGP, Agostini “smonta” Dovizioso: il suo favorito per il Mondiale