Verstappen e il record di vittorie di Hamilton: “Vi rivelo cosa mi ha detto”

Max Verstappen ha raccontato la breve conversazione con Lewis Hamilton dopo il successo del britannico che a Portimao ha battuto il record di Michael Schumacher

Verstappen rivela: "Cosa mi ha detto Hamilton dopo il record di vittorie"
Verstappen rivela: “Cosa mi ha detto Hamilton dopo il record di vittorie”

Max Verstappen ha raccontato una breve conversazione con Lewis Hamilton al termine del GP Portogallo sul circuito di Portimao, dove la Formula 1 ha corso per la prima volta nella sua storia.

Il britannico ha vinto sul 28mo tracciato diverso e staccato Michael Schumacher nella classifica all-time per vittorie in Formula 1. Hamilton ha staccato di oltre venti secondi il compagno di squadra Valtteri Bottas festeggiando il 92mo successo in un gran premio in F1. E’ diventato il pilota più vincente nel circus, con suo padre felice e commosso.

Max Verstappen, come ha riportato il Daily Express, ha scherzato su questo traguardo dopo la gara. “Lewis mi ha detto che continua a spingere perché vuole fissare l’asticella molto in alto. Dovrà lavorare molto duro per arrivare lì. Ottenere 92 vittorie è un risultato straordinario, e poi non credo che si fermerà qui“.

Leggi anche – Raikkonen, che rimonta in partenza al GP Portogallo: il video on board

Verstappen: “Dovrò correre fino a 40 anni per raggiungere Hamilton”

Verstappen: "Dovrò correre fino a 40 anni per raggiungere Hamilton"
Verstappen: “Dovrò correre fino a 40 anni per raggiungere Hamilton”

Verstappen è convinto che Hamilton possa ben superare le 100 vittorie in carriera. “Dovrò correre fino a 40 anni per inseguirlo. Sicuramente è una bella motivazione” ha detto. Il britannico, ha ammesso l’olandese della Red Bull, non è semplicemente veloce. “Se sta inseguendo il suo settimo titolo mondiale, un traguardo davvero impressionante, è per la sua continuità. Non sbaglia quasi mai, per questo ha numeri simili”.

Superare Michael Schumacher e poter leggere il suo nome nei libri di storia dello sport è una enorme soddisfazione. “Potevo solo sognare di arrivare dove sono adesso. Non avevo la palla di vetro quando ho scelto di entrare in questo team, ma eccomi qui. Non ho parole” ha detto alla fine della corsa in Portogallo. A Imola può fare un passo ulteriore verso il settimo titolo

Leggi anche – GP Portimao, Verstappen e Stroll sotto investigazione: cosa rischiano