LIVE MotoGP Portimao, Gara in diretta: vince Oliveira, fa festa la Ducati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:48

MotoGP Portimao, segui in diretta l’ultima gara della stagione. In palio ancora il titolo nel Mondiale costruttori

LIVE MotoGP Portimao, Gara in diretta tempo reale: partenza alle 15
LIVE MotoGP Portimao, Gara in diretta tempo reale: partenza alle 15

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA PAGINA

Abbracci per tutti nei box. Finisce una stagione complessa ed emozionante. APPUNTAMENTO AL 2021

Per Ducati è il primo titolo costruttori dal 2007, quando Casey Stoner diventò campione del mondo piloti. Festeggia anche Dovizioso che dopo sette anni lascerà il team

“Un campionato del mondo è sempre importante. E’ il mio primo titolo con Ducati, sono felice” ha detto a Sky Gigi Dall’Igna

L’amministratore delegato della KTM fissa l’obiettivo: “L’anno prossimo vinceremo il Mondiale”

FINITA! Oliveira domina e vince! Miller secondo, Morbidelli terzo. Titolo costruttori alla Ducati

MILLER PASSA MORBIDELLI, DUELLO SPALLA A SPALLA!

GIRO 25 Rossi risale, tredicesimo davanti a Quartararo. Ha un ritmo buono negli ultimi giri, ma è troppo tardi

GIRO 24 Oliveira inizia il penultimo giro con quattro secondi di vantaggio su Morbidelli e Miller. Dovizioso, sesto, in panino fra le due Honda di Nakagami e Bradl

GIRO 23 Le Yamaha di Vinales e Rossi adesso vanno molto meglio dell’inizio, più veloci anche dei primi. Quartararo però perde terreno. Comprendere le M1 è sempre più difficile. Cade Salvadori con l’Aprilia

GIRO 22 Perde molto terreno anche la Suzuki di Rins. Oliveira continua a girare sempre a cavallo dell’1.39 alto-1.40 basso. Morbidelli secondo davanti a Miller, Espargaro, Nakagami e Dovizioso. Questi i primi sei

Intanto rimonta Dovizioso! E’ quinto a cinque giri dalla fine. e Miller è negli scarichi di Morbidelli

UPDATE BAGNAIA: Non c’è frattura alla spalla, possibile una sub-lussazione. Nella breve intervista con Brivio, il manager Suzuki chiarisce anche il mistero. E’ Mir che involontariamente ha toccato Bagnaia, causandone l’infortunio. Dopo questo episodio, ha detto Brivio, Mir ha iniziato ad avvertire i problemi elettronici alla moto

“Problemi di elettronica”, dice Davide Brivio: questo il guasto che ha convinto Mir al ritiro. “Dobbiamo capire però di che tipo”

GIRO 16 FUORI IL CAMPIONE DEL MONDO MIR! Rallenta e sconsolato porta la Suzuki al box per ritirarsi. Rins, il compagno di squadra, è solo dodicesimo

GIRO 15 Acuto di Dovizioso che  in poche curve passa Rins e Nakagami

GIRO 14 Zarco sesto, scavalca Bradl

GIRO 13 Continua il mistero delle Yamaha: Morbidelli vola, gli altri con le moto più nuove arrancano

GIRO 12 Errore di Espargaro, Crutchlow lo infila. Lo spagnolo ha rischiato anche la caduta prima del sorpasso

GIRO 10 Gran bel duello fra Nakagami e Quartararo per la nona posizione, il giapponese resta davanti a un gruppetto con Marquez e Dovizioso

GIRO 9 Oliveira scende ancora, 1.39.8!

GIRO 7 Oliveira, Morbidelli, Miller: queste le prime tre posizioni, per ora cristallizzate in vetta. Ma c’è bagarre dietro tra Pol Espargaro, prossimo compagno di squadra di Marquez, e Cal Crutchlow all’ultima gara in carriera

UPDATE BAGNAIA “Ha sentito una botta da dietro e un gran dolore, come se la spalla fosse uscita e rientrata” spiega a Sky Guidotti. Possibile un contatto involontario con Petrucci in curva 3 al primo giro: Bagnaia si gira a controllare chi arriva da dietro dopo una “imbarcata” e Petrucci gli passa vicinissimo

GIRO 6 Oliveira ha 2,6 secondi su Morbidelli. Passo sull’1.39 basso, 1.40 alto: un martello il pilota di casa

GIRO 5 Alex Marquez prima e Dovizioso poi infilano Vinales che scivola al tredicesimo posto

GIRO 4 Morbidelli mantiene il secondo posto che gli vale anche il titolo effimero di vice-campione del mondo

GIRO 3 Molto bene Bradl, sostituto di un Marquez la cui guarigione non sembra così rapida come il team avrebbe sperato. Chapeau Oliveira: 1.39.9, è un bell’andare

GIRO 2 Oliveira con la dura davanti e dietro sta spingendo fortissimo

GIRO 1 Oliveira fa l’andatura, Vinales invece parte malissimo e scivola indietro. Rossi è 17°. PROBLEMI PER BAGNAIA

PARTITI!

ORE 14.58: Giro di ricognizione a Portimao. Prima della gara, omaggio al Ceo della Dorna, Ezpeleta, per essere riuscito a portare a termine il Motomondiale 2020. Saluti speciali anche per Valentino Rossi che lascia il team Yamaha dopo 254 gp, 56 vittorie, 35 pole, 142 podi

ORE 14.40: Mancano 20 minuti all’ultimo gran premio della stagione della MotoGP. Sui continui saliscendi di Portimao, si potrebbe il decimo vincitore diverso di un Mondiale singolare e non solo per la pandemia che ha costretto a rivoluzionare date e calendari.

Cinque dei primi nove in griglia sul circuito dell’Algarve non hanno ancora ottenuto successi nel 2020. Di questa lista non fa parte Miguel Oliveira, primo portoghese a vincere un gran premio al GP Stiria.

In casa, è diventato il primo portoghese in pole in classe regina. E punta a completare l’opera. Il passo gara nelle libere non è stato troppo continuo, anche se ha fatto registrare il miglior tempo con le dure usate da sette giri. Di sicuro, conosce come domare un circuito pieno di insidie meglio di chiunque altro.

Leggi anche – MotoGP Portimao, Valentino Rossi realista: “Gli altri sono più veloci”

MotoGP Portimao, la diretta della gara: Espargaro e Bradl mine vaganti

MotoGP Portimao, la diretta della gara
MotoGP Portimao, la diretta della gara

Uno dei candidati ad essere il decimo vincitore della stagione è sicuramente Pol Espargaro, all’ultima gara in KTM. L’ex campione del mondo di Moto2 parte però soltanto nono, anche se in termini di ritmo nelle prove ha dimostrato di essere solido e continuo. Nella lotta per il podio, sarebbe il sesto della sua stagione, è difficile escluderlo a priori.

Si riducono invece le possibilità di Takaaki Nakagami dopo le due cadute nel weekend in curva 4. Possono aumentare invece quelle di Stefan Bradl, sesto in griglia. E’ la sua miglior qualifica dal quarto posto in Malesia nel 2014.

Il sostituto di Marquez nel team ufficiale ha un ritmo potenzialmente da podio a giudicare dalle libere, e sa come far durare le gomme dure. Può essere un fattore anche lui. Senza dimenticare Cal Crutchlow, che correrà per l’ultima volta in carriera nel Mondiale.

Leggi anche – MotoGP Portimao, Pagelle Qualifiche: Oliveira che exploit, Rossi impalpabile