Ferrari, Hamilton non è un rimpianto: il “messaggio” di Binotto a Leclerc

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Mattia Binotto torna sulla scelta di Leclerc e Sainz come piloti Ferrari e parla della possibilità di vedere Hamilton sulla Rossa

binotto ferrari hamilton
Binotto (Getty Images)

Mattia Binotto racconta la sua Ferrari, spiega le scelte fatte per la Rossa e si sofferma sul ‘rimpianto’ Lewis Hamilton. Il team principal della scuderia di Maranello in un’intervista a ‘Sky Sport UK’ spiega gli obiettivi per il prossimo anno e motiva la scelta di Leclerc e Sainz.

Avremo una formazione molto giovane – racconta – la più giovane Ferrari dal 1968, ma quei due piloti, Charles e Carlos, sono molto forti, molto talentuosi e anche se sono giovani hanno una buona esperienza in F1“. Scelta di cui Binotto non si è pentito e che non vedrà nessuno dei due partire davanti all’altro: “Avranno pari opportunità – ribadisce – sono felice che saranno liberi di combattere“. Questo però senza mai dimenticare che la squadra viene prima di tutto. “Dobbiamo ottimizzare i punti per la squadra e quando lo fai, ottimizzi anche i punti per i piloti: ma quelli di squadra vengono prima“. Poi a stagione in corso sarà il momento delle scelte: “Vedremo come sono andate le cose e se dobbiamo adottare una diversa strategia“.

LEGGI ANCHE >>> Carlos Sainz torna a Maranello: il post social carica i tifosi Ferrari

Hamilton in Ferrari, Binotto: “Non ci saranno rimpianti”

hamilton ferrari
Hamilton (Getty Images)

La Ferrari ha puntato su Leclerc e Sainz e saranno loro a provare a sfidare Lewis Hamilton, sempre che l’inglese rinnovi con la Mercedes. Proprio il campione del mondo libero da contratto, almeno al momento, non costituisce un rimpianto per Binotto e il team principal della Rossa lo dice chiaramente.

No, non sarà un rimpianto – le sue parole all’emittente britannica – perché quando abbiamo preso le decisioni, lo abbiamo fatto credendo fossero quelle giuste“. E così ora c’è un “pilota fantastico” come Leclerc, sulla quale la Ferrari ha investito moltissimo: “Ha talento e con la macchina giusta può sfidare Hamilton“.