Morto Joel Robert, una delle leggende del Motocross: aveva 77 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:25

Morto Joel Robert, una delle leggende del Motocross: aveva 77 anni. Per lui, già in cattive condizioni di salute da anni, è stato fatale il Covid-19

Motocross
Morto Joel Robert, una delle leggende del Motocross: aveva 77 anni (Foto: Getty)

Joel Robert, uno dei più grandi campioni della storia del motocross, è morto nelle scorse ore all’età di 77 anni a Charleroi, in Belgio. Robert, che era in cattive condizioni di salute da diversi anni, era stato ricoverato in ospedale dopo aver contratto il coronavirus nelle scorse settimane. Un attacco di cuore lo aveva portato al coma farmacologico da cui non si è più ripreso.

Era diventato una vera stella del Motocross negli anni ’60 e ’70, alimentando la grande tradizione belga. I suoi successi hanno ottenuto una vasta eco in Europa e anche in America, dove veniva considerato tra gli interpreti più spettacolari e solidi di quegli anni.  Ha vinto sei campionati mondiali di Motocross FIM 250cc e 50 Grand Prix, record rimasti imbattuti per quasi 30 anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morto John Hogan: fu l’uomo della Marlboro in Formula 1

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morto Hubert Auriol, fu il primo a vincere la Dakar in Moto e Auto

Morto Joel Robert, una delle leggende del Motocross: per lui fatale il Covid-19

Motocross
Morto Joel Robert, una delle leggende del Motocross: fatale il Covid-19 (Foto: Getty)

Robert ha iniziato a gareggiare nel Campionato del Mondo 250cc nel 1962, conquistando il primo titolo nel ’64, a soli 21 anni. Questo lo rese il più giovane campione iridato fino a quel momento. Per tre anni consecutivi arrivò secondo alle spalle di vecchie glorie come Hallman e Victor Arbekov, prima di tornare in vetta nel 1968 e nel 1969.

Nel 1970 sposò il progetto della Suzuki, costruendo un binomio imbattibile per almeno un triennio.

Joel Robert è ricordato anche per essere estato uno dei primi esempi di “Bad Boy” nella storia del Motorsport. Aveva più volte confessato i suoi vizi, con l’abuso di alcol e di sigarette. Tutto ciò non gli aveva impedito di primeggiare nella sua categoria ma lo aveva lasciato in condizioni di salute non ottimali negli ultimi anni. Purtroppo il coronavirus ha rappresentato un nemico fatale contro cui combattere, portandolo via all’età di 77 anni. Rimarrà per sempre nel cuore di tutti gli appassionati del Motocross.