Prezzo Benzina, proseguono gli aumenti: la previsione sui possibili rincari

Carburanti, l’allarme Unc per i dati Mise: prezzo benzina ancora in alto. Record annuale: mai così da inizio 2020. Benzina +10,2%, per un rincaro di 176 euro annui a famiglia

Carburanti, prezzi alle stelle: mai così alti da inizio 2020. Il motivo
Prezzo benzina alle stelle: mai così alto da inizio 2020. Il motivo (Getty)

Scatta l’allarme per il prezzo della benzina. Gli ultimi dati settimanali del ministero dello Sviluppo Economico preoccupano l’Unione Nazionale Consumatori. I rincari hanno portato i prezzi dei carburanti a 1.588 al litro per la benzina (modalità self service) e 1.477 euro per il gasolio. “Si tratta di costi record – afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori – ora che sono in atto le riaperture riparte la corsa ai prezzi dei carburanti, ma per arrivare a livelli così alti bisogna andare indietro di oltre un anno”.

Il riferimento è al 13 gennaio 2020, quando la benzina arrivò a 1.594 euro al litro, mentre il 10 febbraio 2020 il gasolio toccò 1.451 euro al litro. “Dall’inizio di quest’anno, con la prima rilevazione del 4 gennaio – spiega ancora il presidente dell’UNC – in 5 mesi un pieno da 50 litri è aumentato di 7.32 euro per la benzina e 6.41 euro per il gasolio”.

Leggi anche – Prezzi carburanti, il costo medio di benzina e Diesel a metà aprile

Carburanti, prezzo alle stelle benzina e gasolio: mai così alto da inizio 2020

Il rincaro è rispettivamente del 10.2% e del 9.7%. Considerando la base annua si tratta di una vera e propria stangata per ogni vettura, e quindi per ogni famiglia: l’aumento per anno sui costi della benzina è di 176 euro, 154 euro per il gasolio. Non è la prima volta che si sottolinea l’allarme per l’aumento dei costi di benzina e diesel dopo la fine del lockdown.

Mentre i mesi del 2020 con l’Italia in completa quarantena avevano di fatto limitato i costi, questi sono cominciati a lievitare nel 2021, e non solo per la ripresa della mobilità. La preoccupazione è che con il graduale ritorno alla normalità a seguito delle riaperture, l’aumento della circolazione delle auto possa portare a costi difficili da sostenere per le famiglie, già in difficoltà a causa della crisi economica per la pandemia.