Fiat 500 F realizzata con i mattoncini: il video della bizzarra creazione

Una Fiat 500 F del 1965 è stata realizzata con i mattoncini da costruzione: il video della bizzarra creazione della citycar italiana

Fiat 500 F
Fiat 500 F (screen Youtube)

La Fiat 500, nella sua prima edizione, è una vettura iconica, entrata di diritto nella storia dell’azienda torinese e dell’automobile in generale. Nel corso degli anni abbiamo visto tantissime versioni differenti della citycar, davvero in tutte le salse possibili ed immaginabili.

Non avevamo mai visto, però, una Fiat 500 F del 1965 realizzata con i mattoncini da costruzione. E’ la creazione di uno youtuber, Nico 71, che ha unito le sue due passioni realizzando un esemplare davvero unico. La citycar è in scala 1/11.5 come ha specificato, per 26 cm di lunghezza ed 11.5 di altezza ed un peso di poco più di mezzo chilo. Ben 964 le parti servite per comporla.

Il video inizia con la vettura completata in ogni sua parte e forma, perfetta nella realizzazione con tutti i minimi particolari presenti; nulla è stato lasciato al caso, compreso le ruote anteriori sterzanti attraverso il volante. Aprendo il cofano motore posteriore, invece, non manca anche il classico motore bicilindrico che si vede “lavorare” muovendosi alla rotazione delle ruote posteriori.

LEGGI ANCHE >>> Volkswagen T2 Camper, il nuovo modellino Lego: foto e dettagli del kit

Fiat 500, la versione F della citycar


Solide anche le sospensioni della versione a mattoncini, con il creatore che testa l’auto facendo forza sul tetto con la mano. Il video si conclude, invece, con le istruzioni per poter realizzare questo piccolo capolavoro legato alla Fiat 500. Il video, in pochi giorni, ha ottenuto oltre 2.000 visualizzazioni.

La Fiat 500 F è l’erede della D ed è la prima vettura con alcune parti in plastica che vanno a sostituire quelle in metallo; sulla carrozzeria, molte le modifiche apportate rispetto alla versione in precedente, in primis l’inversione nell’apertura delle portiere, incernierate con 8 viti per porta da cui il termine “otto bulloni“; anche il parabrezza si modifica, decisamente più ampio, mentre il tetto apribile si chiude con un solo gancio posto al centro. Rivisto anche il motore nella fasatura che arriva ad erogare 18 cavalli, mentre il serbatoio vede la sua capacità a salire fino a 22 litri. Piccole modifiche anche nella plancia, sugli interruttori di luci, tergicristallo ed illuminazione del quadro. Più potente anche l’impianto dei freni.