Toto Wolff, la proposta che cambia la F1: “Sarebbe molto eccitante”

Toto Wolff rilancia una proposta già fatta in passato e trova la sponda di Christian Horner: “Potrebbe essere molto eccitante”

Toto Wolff
Toto Wolff (Getty Images)

I sedili della Formula 1 per il 2022 sono già quasi tutti assegnati. Due i nomi che mancano all’appello: il compagno di Bottas in Alfa Romeo e il sostituto di Russell alla Williams. Una situazione che potrebbe vedere diversi giovani restare ancora un anno fuori. Proprio a loro pensa Toto Wolff quando spiega la sua proposta per far sì che il circus si apra con maggior facilità ai ragazzi che arrivano dalle serie inferiori.

In particolare il team principal della Mercedes fa una doppia proposta, partendo da una considerazione: “Dobbiamo garantire ai giovani piloti di talento la possibilità di mettersi in mostra“. Per farlo il manager tedesco suggerisce “l’aggiunta di una o due gare in cui far correre giovani piloti o debuttanti e inserirle nel campionato più costruttori“. Ma è un’altra l’idea che affascina di più Wolff: inserire una terza macchina per ogni scuderia.

LEGGI ANCHE >>> Wolff e il possibile addio alla Mercedes: il manager svela un particolare

Toto Wolff e la terza macchina: “Potrebbe essere molto eccitante”

Toto Wolff
Toto Wolff (Getty Images)

L’idea di Wolff è quella di aggiungere un’altra vettura alle due già previste da regolamento e obbligare i team ad affidarla ad un giovane pilota. Lo stesso team principal spiega la sua proposta: “Se finanziariamente sostenibile, si potrebbe inserire una terza macchina con un pilota esordiente obbligatorio. Si avrebbero così trenta auto in griglia con i team più piccoli che potrebbero sfruttare i finanziamenti dei piloti o degli sponsor“. Un’idea che a Wolff piace molto: “Potrebbe essere molto eccitante“.

La proposta trova l’approvazione anche di Christian Horner che evidenzia la necessità di aggiungere 2-4 macchine in più in griglia. “Ci sono tanti giovani in F2 che meritano un’opportunità e al momento non ci sono posti. Servirebbero 2-4 macchine in più per consentire ai giovani di girare“.