Red Bull, Horner non esclude un nuovo pilota: “Sta guidando molto bene”

In casa Red Bull il Team Principal Horner non esclude un nuovo pilota: “Sta guidando molto bene” l’ammissione del manager

Christian Horner Red Bull
Christian Horner (Getty Images)

Il mercato piloti tiene banco nelle ultime settimane in F1, con molte scuderie che hanno già annunciato chi siederà al volante ed altre pronte a farlo nelle prossime settimane.

La Red Bull, in piena lotta per il titolo mondiale sia piloti che Costruttori da contendere alla Mercedes, ha confermato in blocco Max Verstappen e Sergio Perez anche per la prossima stagione. Pierre Gasly, quindi, resterà in AlphaTauri al pari di Yuki Tsunoda, nella scuderia satellite. Eppure il Team Principal Christian Horner non ha affatto escluso un futuro in Red Bull per il francese.

Sta guidando molto bene” l’osservazione di Horner, “sta svolgendo un ottimo lavoro” prima di ammettere come siano in corso valutazioni per il 2023. “Negli due anni ha svolto un lavoro eccezionale in AlphaTauri” ha proseguito il manager spiegando come siano in crescita continua sia le aspirazioni del pilota che del team. “Resterà un pilota della Red Bull finché resterà lì“.

LEGGI ANCHE >>> Verstappen, un dubbio per il GP di Russia: la possibile decisione della Red Bull

Rd

Pierre Gasly
Pierre Gasly (Getty Images)

Pierre Gasly ma non solo, perché la Red Bull guarda con attenzione in casa AlphaTauri anche al nipponico Tsunoda e soprattutto alle categorie inferiori. E’ lo stesso Horner ad ammetterlo nell’intervista concessa a formula1.com. “In Formula 2 ci sono Juri Vips e Liam Lawson” ha spiegato, mentre “in Formula 3 Dennis Haugher e Jack Crawford, un americano interessante“. Futuro che sembra assicurato, almeno per quanto riguarda i piloti, perché come sostenuto dal Team Manager, la Red Bull ha un “programma junior molto valido“.

Nel prossimo week end, intanto, si ritornerà in pista a Sochi, in Russia, dopo le polemiche del Gran Premio d’Italia disputato la scorsa settimana a Monza. Verstappen, com’è noto, dovrà scontare tre posizioni di penalità sulla griglia di partenza dopo l’incidente con Hamilton.