E’ morto Kobe Bryant, fatale un incidente in elicottero: con lui anche la figlia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:41

E’ morto l’ex star NBA Kobe Bryant, fatale un incidente in elicottero: con lui se ne va anche la figlia Gianna di 13 anni

Kobe Bryant
E’ morto Kobe Bryant, fatale un incidente in elicottero: con lui anche la figlia (Foto: Getty)

Kobe Bryant è morto in un incidente in elicottero in California, a 41 anni. La leggenda della NBA stava viaggiando sul suo mezzo privato quando è caduto nella tarda mattinata americana a Calabasas, circa 65 km a nord-ovest di Los Angeles.

Anche la figlia tredicenne di Bryant, Gianna, è stata tra le nove persone che sono scomparse nell’incidente.

Vanessa Bryant, la moglie di Kobe, non era a bordo. Oltre a lei il campione lascia anche altri tre bambini: Natalia, Bianca e Capri di sei mesi.

La notizia di uno schianto di elicottero si è diffusa poco dopo le 10 orario di Los Angeles (poco dopo le 7 di sera in Italia). Ha confermarlo il Dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles, che in seguito hanno dato notizia del coinvolgimento nell’incidente di Bryant.

L’elicottero è caduto in un campo deserto al largo di Las Virgenes intorno alle 10:00 di questa mattina“, ha detto la città di Calabasas sui social media. “Nessuno a terra è stato ferito. La FAA e la NTSB stanno indagando“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rally di Montecarlo, gravissimo incidente per il campione Tanak (VIDEO)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incidente incredibile in Florida: La macchina si spezza in due!

E’ morto Kobe Bryant, fatale un incidente in elicottero: con lui anche la figlia Gianna

morte Kobe Bryant
E’ morto Kobe Bryant, fatale un incidente in elicottero: con lui anche la figlia Gianna (Foto: Getty)

Abbiamo ricevuto una chiamata poco prima delle 10 di stamattina di un aereo nella zona di Malibu, appena fuori da Las Vergenes, essenzialmente Calabasas“, ha detto il capitano delle forze dell’ordine Tony Imbrenda ai giornalisti sulla scena. “Alcune persone erano qui in mountain bike stamattina, hanno visto un aereo in difficoltà, sono scesi sul pendio. Alla fine si sono accorti che si trattava di un elicottero. E’ stato identificato come un elicottero S-76 Sikorsky e sfortunatamente non c’erano sopravvissuti“.

Bryant è considerato uno dei più grandi giocatori di basket di tutti i tempi. È diventato una leggenda a Los Angeles con i Lakers, trascorrendo la sua intera carriera ventennale con la squadra giallo-viola, diventando un cinque volte campione NBA e due volte nominato MVP nella finale.

Nel 2018 ha vinto un Oscar per il miglior cortometraggio animato per Dear Basketball, un film di cinque minuti basato su una lettera d’amore al basket che Kobe ha scritto nel 2015.

Sabato LeBron James ha superato il totale di 33.643 punti di Bryant nella classifica dei punteggi di tutti i tempi della NBA, salendo tra i primi tre nella storia dietro solo Kareem Abdul-Jabbar e Karl Malone.
Proprio Lebron ha reso omaggio a Bryant, dicendo: “È troppo. È troppo. Questa storia è troppo. Non ha senso. La prima volta che l’ho incontrato, mi ha regalato le sue scarpe nell’All-Star Weekend. È surreale. Non ha senso, ma l’universo mette semplicemente le cose nella tua vita. E immagino che quando vivi nel modo giusto, quando dai tutto a tutto ciò che stai facendo, le cose accadono organicamente“. La stella della pallacanestro ha poi aggiunto: “Purtroppo quando le cose devono accadere, succedono e basta. Sono felice di aver potuto scambiare una conversazione con Kobe Bryant. Un personaggio pazzesco“.