Tesla, la ricerca sulle super batterie: tutto sul progetto Roadrunner

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:47
22

La Tesla spinge sulla ricerca verso le batterie di ultima generazione. Per questo ha chiesto che sia esteso lo stabilimento principale di Freemont

Tesla, la ricerca sulle super batterie: cosa si sa del progetto Roadrunner
Tesla, la ricerca sulle super batterie: cosa si sa del progetto Roadrunner

Elon Musk vuole spingere lo sviluppo della Tesla in direzione della ricerca sulle batterie. Il 15 settembre è infatti in programma il cosiddetto Battery Day, in cui le novità verranno svelate. Nel frattempo, emergono i primi dettagli del progetto Roadrunner, finora di fatto segreto.

Si tratta del programma avviato da Elon Musk per la realizzazione interna di batterie di ultima generazione per le vetture elettriche del gruppo. Musk vuole dunque ridurre la dipendenza dalle forniture di gruppi esterni leader nel settore, su tutti Panasonic, LG Chem o CATL. Musk sta lavorando per sviluppare tecnologie inedite e costruire un vantaggio competitivo rispetto ai rivali.

Lo stesso Musk ha confermato che nel prossimo futuro non saranno sviluppate nuove auto dopo la Model Y e la Cybertruck, proprio perché tesla punterà sullo sviluppo delle tecnologie e delle batterie.

Leggi anche – Tesla Roadster, possibile versione con i razzi: accelerazioni top per l’elettrica

Tesla, i prossimi passi del progetto Roadrunner

Tesla ha chiesto di estendere lo stabilimento di Freemont
Tesla ha chiesto di estendere lo stabilimento di Freemont

Il progetto Roadrunner è stato tenuto di fatto nascosto finché l’azienda non ha richiesto un’autorizzazione per estendere lo stabilimento di Fremont. L’obiettivo dell’ampliamento del sito servirà ad allestire una nuova zona per la produzione di batterie oltre a un settore destinato alla Ricerca e allo Sviluppo del progetto.

Come si legge in una nota interna, per questa iniziativa Tesla richiede la costruzione di un secondo piano, all’altezza della parte centrale dello stabilimento, di 2.000 metri quadri e di un terzo, più piccolo, esteso 800 metri quadri.

Al momento, a Freemont, che Musk ha riaperto senza obbedire alle indicazioni statali e nazionali durante il lockdown, lavorano diecimila persone. Qui vengono prodotte tutte le quattro Tesla in commercio. Non è stato invece reso noto quale volume di batterie Musk abbia intenzione di raggiungere con il suo nuovo progetto.

Leggi anche – Tesla Roadster, possibile versione con i razzi: accelerazioni top per l’elettrica