MotoGP Portimao, Pagelle Gara: Oliveira missile, Rossi si accontenta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:39

Nel MotoGP Portimao, ultima tappa della stagione del Motomondiale, Oliveira festeggia la vittoria sulla pista di casa

MotoGP Portimao, Oliveira
Vittoria del padrone di casa Oliveira a Portimao (Getty Images)

In un clima da ultimo giorno di scuola tra addii definitivi come quello di Crutchlow e altri molto probabili come quello di Dovizioso, spicca la prestazione di Miguel Oliveira. Miller contribuisce al titolo costruttori Ducati. Rossi si accontenta, Mir delude.

Miguel Oliveira – Non c’è gara: parte davanti a tutti e vince senza mai voltarsi indietro. Una vittoria senza discussione su una pista che interpreta meglio di chiunque altro perché la conosce come nessun altro. Voto 8, praticamente perfetto.

Jack Miller – In un Gran Premio che deve decidere solo i dettagli del Mondiale diventa decisivo per il titolo costruttori Ducati con un secondo posto splendido confezionato dopo un sorpasso da urlo su Morbidelli. Voto 7.5, la cosa più bella del GP.

Franco Morbidelli – Secondo assoluto nel mondiale forse avrebbe voluto quella quarta vittoria stagionale che lo avrebbe reso quasi un vincente nell’anno di Mir. Ci va vicino e non ha comunque alun rimpianto. Voto 7, brillantissimo.

Valentino Rossi – Parte da dietro ma trova un buon ritmo e potrebbe anche arrivare a ridosso dei primi con una condizione fisica migliore e meno traffico davanti. In ogni caso secondo assoluto di casa Yamaha. Voto 6, sempre e comunque il Dottore.

Andrea Dovizioso – Finisce meglio che può, spingendo al massimo per rendere il suo ultimo capitolo con la Ducati quanto più dolce possibile. Quarto posto assoluto nel Mondiale ma ripensandoci bastava poco per vederlo anche più in alto. Voto 6, poteva essere…

Joan Mir – Parte dall’ultimo posto vuole strafare e combina un pasticcio rovinando la giornata del povero Bagnaia. Una delusione, ma per lui il mondiale era finito domenica scorsa. Voto 5, come se non ci fosse stato.

Cal Crtuchlow – Due righe doverose per accomiatarsi da un pilota vero, ruspante, vecchio stile. Uno di quelli per i quali l’unica cosa che conta è andare forte. Quest’anno ha subito cadute, interventi e problemi assortiti. Lascia con le cicatrici di un vero gladiatore e il rispetto di tutti. Voto 6, Highlander.

LEGGI ANCHE > LIVE MotoGP Portimao, Gara in diretta: vince Oliveira, fa festa la Ducati

LEGGI ANCHE > MotoGP Portimao, ordine di arrivo: Oliveira domina, Morbidelli a podio