Red Bull, Verstappen “minaccia” Sergio Perez e svela il consiglio del padre

Il pilota della Red Bull Jos Verstappen già “minaccia” il nuovo compagno di squadra, Perez, forte di un consiglio autorevole

Formula 1, Verstappen già punge: "minaccia" il nuovo compagno di squadra
Formula 1, Verstappen già punge: “minaccia” il nuovo compagno di squadra (Getty)

È sempre il solito Max Verstappen. Il vulcanico pilota Formula 1, leader indiscusso del team Red Bull, non è uno che le manda a dire. Sia in pista che fuori i suoi comportamenti a dir poco “grintosi” lasciano il segno. Ad esempio, i suoi compagni di squadra non hanno mai vita facile. Verstappen prende la competizione alla lettera, anche verso i suoi partner di team.

Dalla prossima stagione il pilota Red Bull avrà un nuovo compagno: si tratta di Sergio Perez, che sostituirà Alexander Albon. Sulla carta un partner più competitivo, col tentativo di creare concorrenza anche all’interno del team. E forse anche per questo Verstappen si prepara ad “accogliere” il nuovo arrivato a suo modo.

Ti potrebbe interessare anche – Max Verstappen presenta la nuova fidanzata: è l’ex di un altro pilota | Foto

Formula 1, Red Bull: Verstappen “accoglie” Perez: “Lo distruggo”

In un’intervista a Ziggo Sport il pilota di punta Red Bull non ci gira introno: “I miei compagni di squadra? Mio padre mi dice sempre che devo distruggerli tutti”. Il riferimento è a Jos Verstappen, il padre anche lui pilota  che ha impresso questa “mentalità” al figlio. Tra Toro Rosso e Red Bull, il giovane Max ha messo in pratica i consigli paterni, visto che il 23enne non ha mai fatto sconti ai compagni di tema. Da Sainz junior (oggi neo ferrarista) alal Toro Rosso, passando per Danil Kvyat, Daniel Ricciardo, Pierre Gasly e infine Alexander Albon.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Max Verstappen (@maxverstappen1)

Non è facile per nessuno convivere con Verstappen. E ora tocca a Sergio Perez, “sloggiato” dalla Racing Point per fae spazio a Sebastian Vettel e “gettato in pasto” alle grinfie del vulcanico Max. “L’importante è andare più forte degli altri – ha spiegato – anche del proprio compagno di squadra. Ma questo non è importante per il team: ciò che conta è arrivare alla vittoria con entrambe le macchine”. È questa la filosofia del grintoso Max.