Verstappen, calcio alla Red Bull dopo l’incidente a Baku: la foto è pazzesca

Max Verstappen furioso dopo l’incidente nel GP di Baku: il pilota olandese prende a calci la sua Red Bull, la foto è d’impatto

Max Verstappen
Max Verstappen (Getty Images)

Il GP di Baku si è chiuso nel dramma – sportivo s’intende – per Max Verstappen e la Red Bull. Il pilota, con la vittoria ormai in tasca, a cinque giri dalla bandiera a scacchi, è stato vittima di un brutto incidente. Lo schianto della ruota posteriore sinistra e la monoposto finista contro il muretto, per uno zero in classifica che ha scatenato l’ira dell’olandese.

Il numero 33 “vedeva” la vittoria e l’allungo in classifica sul rivale Hamilton dopo una grande gara, dominata da lui e dalla Red Bull. Ed invece ha visto sgretolare tutto il suo lavoro come un castello di sabbia alla prima onda.

Una vera e propria furia l’olandese che, subito dopo l’impatto, è sceso dalla vettura per verificare cosa fosse successo. Ha notato la gomma posteriore sinistra completamente afflosciata, di fatto la causa del suo incidente e, preso dalla collera estrema, ha tirato un calcio allo pneumatico.

LEGGI ANCHE >>> GP Baku, incidente per Verstappen: che beffa. Il video dell’impatto

Verstappen a muro ma resta leader: zero punti anche per Hamilton

Max Verstappen Red Bull
Max Verstappen (Foto: Getty Images)

Alla fine, Max Verstappen, può anche sorridere. La ripartenza del Gran Premio dopo la bandiera rossa ha infatti regalato nuove emozioni, inaspettate come l’errore in staccata alla prima curva di Lewis Hamilton.

Partito benissimo, il Campione del Mondo ha ritardato la frenata ed è andato lungo, ritornando in pista e chiudendo in ultima posizione clamorosamente. Un grave errore, quello del numero 44, che è costato lo zero in classifica. E, quindi, nulla di fatto, con il sorpasso dell’inglese che non si è concretizzato; nella corsa al Mondiale Max è quindi ancora il leader, con quattro lunghezze di vantaggio sul rivale.

Prende ulteriore vantaggio, invece, la Red Bull nella classifica Costruttori, in virtù dei 25 punti conquistati da Sergio Pérez e del doppio zero della Mercedes.