Mestre, sito per adulti sulla colonnina di un autobus: l’attacco hacker

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:17

Mestre, colonnina che distribuisce biglietti dell’autobus mostra l’homepage di un sito per adulti. È quanto successo alla fermata dell’Atvo di corso del Popolo

mestre autobus
Mestre, homepage di un sito per adulti davanti a una fermata per autobus (Getty Images)

Episodio decisamente insolito quello accaduto stamattina alla fermata Atvo di corso del Popolo, a Mestre. Alcune persone stavano aspettando l’arrivo dell’autobus, quando la colonnina che distribuisce i biglietti ha improvvisamente iniziato a mostrare l’homepage di un sito per adulti. Per alcuni minuti, l’immagine è rimasta fissa sullo schermo, tra l’incredulità dei presenti.

Molto probabilmente, come denunciato dalla società di trasporti pubblici del Veneto Orientale, si è trattato di un attacco hacker. Il cyber-criminale sarebbe riuscito ad intrufolarsi all’intero del sistema, eludendo i vari passaggi di sicurezza e potendo mostrare quello che voleva sulla colonnina. La bravata potrebbe però costargli caro. La compagnia, dopo essersi scusata per l’accaduto, ha già annunciato che sporgerà denuncia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Una Honda CBR si incastra sotto un’auto: il conducente scappa (Video)

Mestre, sito per adulti su una colonnina dell’autobus: un presente registra la scena

mestre autobus
Probabile un attacco hacker (Getty Images)

I passeggeri che stavano aspettando l’autobus alla fermata Atvo di corso del Popolo, a Mestre, hanno certamente vissuto una mattinata diversa dal solito. A causa di un probabile attacco hacker, sulla colonnina che vende i biglietti è apparso un sito per adulti. Colto dallo stupore, uno dei presenti ha prontamente preso in mano il telefono e iniziato a registrare la scena, per poi pubblicare il tutto sui vari social.

Secondo le prime ipotesi, potrebbe esser stato proprio l’hacker a fare ciò, per immortalare la sua bravata informatica. La società di trasporti pubblici del Veneto Orientale è pronta ad esporre denuncia, ma al momento non è ancora chiara l’identità del cyber criminale. Nelle prossime settimane, le forze dell’ordine lavoreranno per capire come sia stato possibile bypassare così facilmente i sistemi di sicurezza della colonnina.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Roma, Ambulanze multate 400 volte: il motivo fa discutere