Ford, Jaguar e Honda: richiesta del governo di produrre respiratori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:05
30

Per far fronte all’emergenza Coronavirus, il Governo britannico ha richiesto a Ford, Jaguar e Honda di produrre respiratori.

Ford Jaguar Honda
Tenda pre-triage (Getty Images)

L’emergenza Coronavirus ha stravolto tutti i piani di produzione delle aziende del settore auto a tal punto che, come nel caso del Regno Unito, il Governo ha richiesto a Ford, Jaguar e Honda di produrre respiratori per aiutare gli ospedali. In tutta Europa sono stati presi provvedimenti al fine di ridurre la diffusione del virus. Ogni luogo di assembramento come scuole, teatri, cinema, bar, ristoranti e negozi sono stati chiusi, mentre meccanici e gommisti continuano a lavorare per supportare chi ha necessità di spostarsi. In uno scenario simile, gli strumenti sanitari sembrano scarseggiare e per far fronte a questa mancanza c’è chi come il Governo britannico ha deciso di chiedere aiuto alle grandi imprese. In particolare, la richiesta è stata rivolta a Ford, Jaguar e Honda, che hanno dato la loro disponibilità a costruire respiratori.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Coronavirus, Byd: l’azienda di auto elettriche che produce più mascherine di tutti

Ford, Jaguar e Honda: la loro risposta al Governo britannico

Ford Jaguar Honda
Camera d’ospedale (Getty Images)

In una situazione del genere, gli ospedali e soprattutto i reparti di terapia intensiva sono ormai saturi, a cui bisogna aggiungere la scarsità di strumenti e personale sanitario ed è, in questo contesto, che si colloca la decisione del Governo britannico di chiedere aiuto a Ford, Jaguar e Honda. Più nel dettaglio è stato richiesto di produrre respiratori per far fronte all’emergenza. Jaguar ha subito dato la propria disponibilità, rendendo altresì noto che si impegnerà a fondo per supportare coloro che ne hanno bisogno. Ford sta valutando il da farsi, mentre Honda ha dichiarato che il Governo inglese ha solamente inoltrato una richiesta di cercare di capire come agire nella produzione di attrezzature mediche. Infatti, non è così semplice come sembrerebbe, in quanto bisognerebbe cambiare processi di lavoro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, officine: rimangono aperte