LIVE Zanardi, le condizioni: Alex ha superato bene la notte dopo la terza operazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:20
423

Le condizioni di salute di Alex Zanardi sono gravi e stazionarie: gli ultimi aggiornamenti sul quadro clinico dell’ex pilota di F1.

Zanardi
Alex Zanardi, l’Italia in attesa di buone notizie dopo il terribile incidente in handbike (Foto: Getty Images)

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA PAGINA

11.10: Da ormai qualche tempo, non venivano più pubblicati bollettini riguardanti la situazione di Alex Zanardi, per volontà della sua stessa famiglia. Tuttavia, nella giornata di ieri si è reso necessario divulgare la notizia del terzo intervento subito dal campione paralimpico. Operazione avvenuta sabato 4 luglio e durata cinque ore, con cui si è voluto proseguire con la ricostruzione cranio-facciale. Questa settimana può risultare comunque decisiva per l’eventuale risveglio dal coma farmacologico, volto a capire con maggiore precisione il quadro clinico dell’ex pilota.

09.10: L’intervento a cui è stato sottoposto ieri Alex Zanardi si è resa necessaria perchè “le fratture erano complesse“, spiega il professor Paolo Gennaro, direttore della Uoc chirurgia maxillo-facciale dell’ospedale “Le Scotte” di Siena. Nonostante il nosocomio toscano sia specializzato in questo tipo di interventi, l’equipe medica ha voluto sottolineare la singolarità del caso dell’ex pilota di F1. La reazione alla prima notte post operatoria è stata comunque buona, con il quadro neurologico che resta grave. Se le condizioni lo permetteranno entro la fine di questa settimana potrebbe essere diminuita la dose dei farmaci per iniziare a risvegliarlo gradualmente.

Alex Zanardi, le notizie del 6 luglio

23.55: Nessun bollettino medico sulle condizioni di Zanardi sarà diramato se non ci saranno novità significative sulla situazione. Questa la decisione comunicata dai medici dopo la terza operazione subita dal campione di handbike. Decisione presa, ovviamente, insieme alla famiglia di Alex che continua ad assisterlo all’ospedale di Siena

21.20: Sta riscuotendo successo la petizione online del quotidiano torinese Cronacaqui.it. I responsabili chiedono al presidente Mattarella di assegnare a Zanardi la medaglia d’oro al valor civile, in quanto “fulgido esempio di straordinario cittadino italiano”. La petizione, lanciata sulla piattaforma change.org, ha già raccolto oltre 40 mila adesioni.

19.50: In base a quanto dichiarato nel bollettino, è presto perché i medici decidano di ridurre il dosaggio dei farmaci e risvegliare Zanardi dal coma indotto dopo l’incidente. Sarà importante verificare, naturalmente come supererà la notte dopo il terzo intervento chirurgico.

Non ci sono particolari passi avanti, intanto, nell’indagine. Una settimana fa la Procura ha incaricato l’ingegnere Dario Vangi, professore dell’Università di Firenze, di svolgere la perizia per ricostruire la dinamica dell’incidente. Vangi è docente di progettazione meccanica e costruzione di macchine al Dipartimento di ingegneria industriale. Vangi dovrà ricostruire la dinamica dell’incidente e accertarne le cause, valutando anche la presenza di difetti o guasti alla sua handbike e lo stato del manto stradale.

Anche Marco Ciacci, il 44enne alla guida del tir contro cui si è schiantato il pilota, ha nominato un perito di parte, il professore Mattia Strangi, docente di progettazione dei sistemi di trasporto all’Università di Bologna.

17.30: Alex Zanardi ha subito una terza operazione chirurgica necessaria per una ricostruzione cranio-facciale. L’intervento è durato cinque ore ed è stato effettuato sabato scorso. I medici hanno emesso un nuovo bollettino in cui ribadiscono che Alex è in condizioni stabili ma gravi dal punto di vista neurologico. CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI SUL NUOVO INTERVENTO

16.50. Mentre si attendono aggiornamenti sulle condizioni di Alex (in accordo con la famiglia non vengono più emessi bollettini giornalieri), gli inquirenti continuano a lavorare cercare di ricostruire la dinamica dell’incidente. Le perizie sono fissate per la metà del mese di luglio; da quel momento i consulenti della Procura avranno 60 giorni di tempo per consegnare le loro relazioni. Tra gli elementi che meritano approfondimento c’è anche l’asfalto; è necessario chiarire se ci fossero buche che hanno influito sull’accaduto.

15.30. La cautela continua a essere il sentimento che prevale tra il personale medico che ha in cura Alex. A livello neurologico le condizioni del campione paralimpico continuano a essere gravi e non si possono avere ancora certezze su quali possono essere le consegurnze che l’impatto ha avuto sul suo corpo. A preoccupare maggiormente sono il danno neurologica e la vista. Solo al momento del risveglio dal coma, che potrebbe avvenire questa settimana, sarà possibile sbilanciarsi di più.

14.00: Alex Zanardi si trova ancora ricoverato presso l’Ospedale Le Scotte di Siena in coma farmacologico. Questa settimana potrebbe risultare decisiva ai fini di un suo risveglio per valutare con maggiore precisione il suo quadro clinico. Emozionante la dedica del figlio Niccolò, che ha pubblicato nel weekend un post su Instagram dedicato al padre, ritraente un tramonto di Castiglione della Pescaia. Paese toscano che ha adottato la famiglia Zanardi, da quando il Comune decise di conferire la cittadinanza onoraria al campione paralimpico nel 2012, “in quanto esempio di umiltà e coraggio“.

11.00: Le condizioni di Alex Zanardi rimangono stabili. Nessuna novità dunque sullo stato di salute dell’ex pilota che in questi giorni potrebbe essere risvegliato dai medici, al fine di poter valutare gli effettivi danni neurologici e alla vista. Si attende intanto la perizia sull’handbike di Zanardi che potrebbe determinare con più precisione la dinamica dell’incidente avvenuto sulle strade della provincia di Siena. Perizia che dovrebbe avere inizio verso la metà di luglio.

09.10: Inizia un’altra settimana all’ospedale “Le Scotte” di Siena. Alex Zanardi ha superato la notte in coma farmacologico, sempre grave ma stazionario. Questi saranno probabilmente giorni decisivi per il campione paralimpico in vista del risveglio. Dopo il “riposo fisico e cerebrale” obbligato in questo periodo, come sottolineato dai medici, verrà scelta la giornata migliore per calare la dose dei farmaci e riportare l’ex pilota di F1 in uno stato di coscienza. Tra la dedica del figlio Niccolò e la vicinanza della moglie Daniela, Alex è sempre circondato dall’affetto di parenti, amici e fan. Migliaia di messaggi continuano ad arrivare in ogni momento al nosocomio toscano.

Alex Zanardi, le notizie del 6 luglio

23.55: Sul sito change.org, il quotidiano torinese Cronacaqui ha lanciato una petizione  affinché il presidente della Repubblica, Mattarella conceda la medaglia al valor civile a Zanardi, “un uomo che rappresenta per tutto il mondo un fulgido esempio di straordinario cittadino italiano, capace di un magnifico, orgoglioso e struggente coraggio”.

19.30. Non è ancora possibile sbilanciarsi sulle condizioni di Alex Zanardi, i medici impongono la massima cautela. Il paziente continua infatti a restare sedato e intubato, ma non è stata presa ancora alcuna decisione sul suo risveglio dal coma, che potrebbe comunque avvenire in settimana. “Il corpo e la testa devono riposare” – ha dichiarato il personale medico”. Solo quando il dosaggio sarà ridotto si potrà capire qualcosa di più sulla sua situazione generale, in modo particolare sui danni neurologici e alla vista subiti, l’aspetto che al momento preoccupa di più.

13.20: Ancora nessuna novità sulla situazione di Alex Zanardi, il quale è ancora ricoverato presso l’Ospedale Le Scotte di Siena. L’atleta versa ancora in condizioni stabili, seppur il quadro clinico dal punto di vista neurologico rimanga grave. L’importante, dicono i medici, è che riposi il più possibile in vista del risveglio, che potrebbe avvenire verso metà della prossima settimana. Intanto, proseguono numerosissime le dimostrazioni di affetto nei confronti del campione paralimpico.

11.00. Il medico legale che ha soccorso Zanardi è sicuro, la moglie di Alex è stata fondamentale per tenere in vita suo marito. “Ho chiesto alla moglie di parlargli mentre lo soccorrevo perché la funzione uditiva rappresenta uno stimolo al cervello per non spegnersi. Lei è stata bravissima”. Poi ha rivelato il commovente messaggi che Daniela continuava a trasmettere ad Alex: “Non dormire, supereremo anche questa”.

09.00. Niccolò Zanardi ha pubblicato uno scatto su Instagram nel quale è ritratto con la fidanzata in una serata su Castiglione della Pescaia. Il figlio dell’atleta ha voluto omaggiare, con il post, suo padre: “Papà, questa serata è per te – dice – e quando tornerai ne faremo un’altra. Un ringraziamento speciale a coloro che mi stanno accanto in questi giorni difficili, in particolare a Martina, grazie di cuore”.

Alex Zanardi, le notizie del 4 luglio

22.00. Prima della partita contro il Milan, i tifosi della lazio si sono dati appuntamento all’uscita del centro di Formello. Hanno scortato la squadra con bandiere e striscioni, uno dei quali dedicato al campione ricoverato a Siena: “Alex Zanardi non mollare!”.

18.45. Sono ormai trascorse più di due settimane dal grave incidente in handbike in cui è rimasto coinvolto Alex Zanardi e ancora ci sono poche certezze sulle conseguenze che l’impatto potrà avere su di lui. La risposta potrà arrivare solo dopo il risveglio del paziente, che resta ancora sedato. Al momento è ancora necessario “lasciare riposare il cervello” (sottoposto a un secondo intervento solo pochi giorni fa) e poi fare le opportune valutazioni. I parametri generali restano stabili, ma permane il dubbio che possa avere subito danni importanti sul piano neurologico.

16.40: Come scrive RadioSienaTv, la prossima settimana la procura affiderà la seconda perizia sul computer della bici che era dietro l’handbike di Zanardi. L’analisi partirà non prima di metà luglio. I risultati sono attesi per il mese di settembre.

12.15: Dopo l’incidente di Alex, sono numerosi i ciclisti che si radunano sulla salita di San Pietro in Belvedere nel comune di Capannoli in Valdera (Pisa) per un momento di raccoglimento e preghiera presso  Madonnina dei Ciclisti, un riferimento spirituale per tutti gli amanti e gli appassionati delle due ruote. Sono stati numerosi i ciclisti che, nei giorni scorsi, si sono fermati per dedicare una preghiera ad Alex.

09.00: Sono passate esattamente due settimane da quel 19 giugno, giorno del fatidico incidente. Quattordici giorni e due operazioni dopo, Alex Zanardi è ancora in coma farmacologico all’ospedale “Le Scotte” di Siena, proseguendo in una dura battaglia tra la vita e la morte. Il fatto che non ci siano sostanziali peggioramenti, ribadiscono i medici, è una notizia sostanzialmente buona. Il corpo e il cervello del campione paralimpico hanno bisogno di riposare prima di iniziare il percorso di risveglio che potrebbe avvenire la prossima settimana. La moglie Daniela e il figlio Niccolò sono sempre al suo fianco, così come i milioni di appassionati che continuano ad inondarlo di messaggi di affetto.

Alex Zanardi, le notizie del 3 luglio

19.30: Alex Zanardi ha trascorso la quattordicesima notte trascorsa senza sostanziali variazioni del quadro clinico. Questo lo scenario a Santa Maria alle Scotte di Siena. Ancora nessuna decisione, invece, è stata presa dallo staff medico sul possibile risveglio del pilota. Se il quadro clinico continuerà a mantenersi stabile, i medici pottebbero tentarlo della prossima settimana.

16.00: I medici continuano a ritardare il risveglio di Alex Zanardi. Scelta giustificata dall’estrema prudenza con cui gli addetti sanitari stanno agendo nel curare l’atleta. Infatti, le condizioni dell’ex pilota rimangono gravi dal punto di vista neurologico, seppur stabili. Verso metà della prossima settimana potrebbe iniziare il processo di riduzione graduale dei farmaci che porterà al risveglio di Zanardi.

14.00: Le condizioni di Alex Zanardi rimangono stabili seppur gravi dal punto di vista neurologico. Ancora nessuna decisione da parte dei medici riguardo il possibile risveglio volto a valutare con maggiore precisione i danni riportati. Continua altresì l’attesa per il giorno della perizia sull’handbike del campione paralimpico che chiarirà la traiettoria del mezzo ed eventuali errori umani. Per il primo soccorritore di Zanardi è merito della moglie Daniela se Alex è ancora vivo, che, grazie alla sua lucidità, nonostante il comprensibile choc, ha continuato a far forza al marito, non facendogli perdere del tutto i sensi.

11.45. Alex Zanardi ha ormai trascorso la sua quattordicesima notte in ospedale, ma al momento non ci sono particolari novità sulle sue condizioni. Nessuna decisione è stata presa sul risveglio. In base a quanto fa sapere l’agenzia di stampa Adnkronos, la situazione generale del paziente resta invariata. Non è ancora possibile sbilanciarsi sull’evoluzione. Solo se il quadro dovesse rimanere stabile, a metà della prossima settimana il personale medico potrà optare per un possibile risveglio attraverso la diminuzione del dosaggio dei farmaci che impongono il coma.

09.10: Alex Zanardi ha trascorso un’altra notte presso l’ospedale “Le Scotte” di Siena senza subire peggioramenti e mantenendosi grave ma stabile. Guadagnare giorni senza novità è un aspetto positivo per il suo quadro neurologico specie dopo il secondo intervento al cervello subito nei giorni scorsi. Nel frattempo, sulle colonne di Repubblica, Luigi Mastroianni, il medico che per primo soccorso il campione paralimpico sulla strada tra Pienza e San Quirico d’Orcia, ha rivelato che Alex è vivo grazie alla moglie Daniela. E’ stato infatti fondamentale tenerlo sveglio subito dopo l’incidente, prima dell’arrivo dei soccorsi.

Mastroianni racconta: “Inizialmente non mi ero accorto che si trattava di Zanardi, ero concentrato sulla bruttissima ferita che aveva alla testa. Accanto ad Alex c’era la moglie. E un signore che voleva spostarlo da terra, ma gliel’ho impedito: le persone che subiscono traumi cranici così gravi non devono essere mosse, si rischia di far loro più danno”. Poi aggiunge: “Ho chiesto alla moglie di parlargli, per non fargli perdere del tutto i sensi. Se fosse successo, probabilmente ora non sarebbe vivo“.

Alex Zanardi, le notizie del 2 luglio

20.45. Al dolore di Zanardi e della sua famiglia si unisce anche il pluricampione della Formula 1, Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes, ai microfoni di Sky Sport 24, ha ammesso: “Sono stato da sempre suo ammiratore, per me è un vero eroe: sia per ciò che ha affrontato che per come ne è uscito. E’ sempre stato un leader. Sono triste per l’incidente”. Non perde, inoltre, la speranza di una guarigione dell’atleta: “Sono sicuro che continuerà a combattere. Le mie preghiere sono per lui e la sua famiglia”.

18.00: Il presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha voluto rilasciare qualche parola per rendere omaggio al campione paralimpico, attualmente in coma farmacologico, in apertura del Consiglio nazionale: “Oggi, il nostro pensiero va ad Alex Zanardi, è patrimonio dell’umanità“. Parole di affetto e di profonda stima nei confronti di un atleta che ha dimostrato sempre grande forza e coraggio, nonostante le avversità. Intanto, i medici non hanno ancora deciso la data del risveglio per valutare i danni riportati dall’ex pilota.

16.00. Nessuna decisione ancora presa dai medici per il risveglio dal coma farmacologico, tutto dipenderà dall’evoluzione del paziente nelle prossime ore. Intanto, prosegue il lavoro delle forze dell’ordine per cercare di ricostruire responsabilità e dinamica dell’incidente in cui Alex è rimasto coinvolto in handbike. La perizia, che rappresenterà un momento cruciale di questo discorso, dovrebbe avvenire a metà mese. La Procura al momento ha dato 60 giorni di tempo a Mattia Strangi, ingegnere bolognese nominato dall’autista del Tir, al momento unico indagato per saperne di più. Le ipotesi sono diverse: tragica fatalità, guasto all’handbike o complicità del fondo stradale.

14.00. La cautela dei medici che assistono ormai da quasi due settimane Alex Zanardi dopo il terribile incidente in handbike continua a essere massima, soprattutto dopo l’operazione al cervello, la seconda, a cui è stato sottoposto pochi giorni fa. Secondo gli ultimi riscontri dell’agenzia di stampa Adnkronos, sarebbero questi i giorni decisivi nel corso dei quali i medici valuteranno la possibilità di un risveglio dal coma farmacologico, che avverrà con una diminuzione graduale del dosaggio dei farmaci. Al momento non è stata ancora presa una decisione definitiva, tutto dipenderà dall’evoluzione del quadro generale che si riscontrerà nei prossimi giorni. La situazione neurologica permane grave e la prognosi è riservata

11.00: Il Corriere di Arezzo racconta la bella storia di Enrico Fabianelli. Il corridore di Castiglion Fiorentino eracon Zanardi a Pienza al momento dell’incidente a Pienza. Ha volutopedalare gli ultimi cento chilometri della staffetta “Obiettivo tricolore” con gli altri paraciclisti di Obiettivo 3. Enrico, corridore di grandi qualità, combatte con la sclerosi multipla. Il suo pensiero torna spesso all’incidente. “Nei primi giorni non riuscivo a dormire: avevo la scena dell’incidente davanti agli occhi. Siamo passati alla disperazione, dopo una giornata straordinaria in mezzo alla folla sul tracciato e nel mio paese” ha detto. Ad Alex lo unisce anche una collanina con un cuore tricolore, che la gente aveva regalato a lui, ad Alex e ai corridori durante una sosta a Brolio.

09.00: Un’altra notte è passata senza peggioramenti e questo è di per sè già una buona notizia. Alex Zanardi resta in coma farmacologico all’ospedale “Le Scotte” di Siena affiancato dalla moglie Daniela e dal figlio Niccolò. I medici, dopo l’operazione al cervello di un paio di giorni fa, hanno sottolineato l’importanza di questi giorni per capire l’evolversi della situazione. Il campione paralimpico deve “metabolizzare” l’intervento alla testa prima di poter essere risvegliato. I prossimi giorni saranno decisivi in tal senso. Qualora le condizioni dovessero rimanere stabili, si potrebbe pensare di diminuire la dose di fermaci che inducono il coma e iniziare la procedura di ritorno alla coscienza.

Alex Zanardi, le notizie del 1 luglio

23.55: Stando a RadioSienaTV, l’autotrasportatore coinvolto nell’incidente di Zanardi ha nominato un suo consulente di parte, il professore Mattia Strangi, ‘docente di progettazione dei sistemi di trasporto all’Università di Bologna. Al momento l’uomo risulta indagato per “atto dovuto”. Dario Vangi, ingegnere dell’Università di Firenze, sarà invece il consulente tecnico della procura.

21.00. Stretta sorveglianza in queste ore da parte dei medici dell’ospedale Scotte. I parametri restano stabili, a preoccupare è il grave trauma facciale. Attualmente, grazie al coma farmacologico, il cervello di Alex è ‘a riposo’. Nei prossimi giorni però si potrebbe valutare il risveglio, anche breve, per valutare il suo danno neurologico.

18.50. Anche la Ferrari si schiera accanto ad Alex Zanardi. Le monoposto gareggeranno nel primo gran premio di Formula 1 della stagione, in Austria, con un adesivo “Forza Alex”. Un messaggio di sostegno che si aggiunge alle tante manifestazioni di affetto che continuano sui social e all’esterno del policlinico Le Scotte di Siena

15.45. Da cosa nasce la speranza? Gli appassionati continuano a restare con il fiato sospeso, in attesa di poter ricevere notizie positive sulle condizioni di Alex. Sapere che possa esserci un piccolo spiraglio non può che essere rassicurante, anche se è ancora presto per pensare che il peggio sia alle spalle. Non sono previsti comunque al momento ulteriori bollettini, a meno che non possano esserci variazioni sostanziali. Le condizioni cliniche restano stazionarie, ma sul piano neurologico il quadro generale è grave.

13.30: La determinazione è una caratteristica che non è mai mancata ad Alex Zanardi e la speranza di chi lo ha ammirato per la forza d’animo dimostrata dopo il grave incidente in cui ha perso le gambe è che possa essere importante anche in questa ennesima prova. Un auspicio condiviso anche dal ct della Nazionale di paraciclismo Mario Valentini: “Sono sicuro che ce la farà – ha detto ai microfoni de Il Giornale -. Io so che Alex riuscirà a vincere questa sfida. Lo hanno sottoposto nuovamente a un nuovo intervento chirurgico, ma è in ottime mani e lui ha un fisico eccezionale. L’arrivo a Santa Maria di Leuca della pedalata del cuore? Doveva essere un messaggio di ripartenza per il nostro Paese, ora lo è anche per lui. Vedrete, ripartirà“.

10.55: Pur non essendo previsti bollettini ufficiali nelle prossime ore, filtra qualche piccola notizia relativa alle condizioni di Alex Zanardi. L’ex pilota di F1 ha risposto bene alla seconda operazione dei giorni scorsi e questo ha creato un leggero ottimismo nell’equipe medica. Continua intanto il massimo riserbo da parte della famiglia che ha deciso di non rilasciare nessuna dichiarazione e di centellinare anche l’uso dei social.

09.00: Il Professor Olivieri e tutta l’equipe specialistica multidisciplinare che ha in cura Alex Zanardi provano a vedere il lato positivo dopo la seconda operazione. Le ultime dichiarazioni parlano di “intravedere un viottolo, uno spiraglio, una speranza di cura”, specie con il nuovo intervento alla testa delle scorse ore che sembra sia andato nel migliori dei modi. Rimane l’attesa, dopo un’altra notte passata in condizioni stabili, per capire quando e come verrà risvegliato il campione paralimpico.

Alex Zanardi, le notizie del 30 giugno

21.50: Doveva essere la settimana del possibile risveglio per Alex Zanardi e, invece, il nuovo intervento chirurgico ha cambiato i possibili piani dei medici. A dieci giorni dall’incidente, Zanardi continua a lottare per la vita

17.50. È arrivato un ultimo aggiornamento sulla situazione di Alex Zanardi dopo l’ultimo intervento subito: «Presenta condizioni cliniche stazionarie e un decorso stabile dal punto di vista neurologico, il cui quadro rimane grave. Resta sedato e intubato, e la prognosi rimane riservata. In accordo con la famiglia non saranno diramati altri bollettini medici in assenza di significativi sviluppi».

17.00. La Ferrari, da sempre uno dei simboli d’Italia, ha deciso di rendere omaggio ad Alex, che ha tenuto alto il tricolore in occasione delle sue vittorie. In occasione della gara in Austria, in programma domenica, primo appuntamento stagionale del Mondiale di Formula Uno, la monoposto presenterà la scritta ‘ForzaAlex’ , sarà visibile da entrambi i lati del rool hoop “Un messaggio di vicinanza e supporto – fa sapere la scuderia di Maranello – al campione paralimpico che sta lottando per la vita nell’ospedale di Siena dopo essere rimasto coinvolto ii un terribile incidente lo scorso 19 giugno con la handbike”

15.40. La notte che ha fatto seguito al delicato intervento chirurgico al cervello a cui è stato sottoposto, resasi necessaria dopo la Tac, è trascorsa tranquilla. In base a quanto trapela, non si riscontrano variazioni nel quadro neurologico: il campione paralimpico continua a essere sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Le sue condizioni cliniche sono stabili, quelle neurologiche rimangono gravi. Il prossimo bollettino medico è atteso per le pre 18. 

11.40: Gli inquirenti proseguono incessanti il loro lavoro sulle indagini volte a capire la precisa dinamica dell’incidente, che ha visto coinvolto Alex Zanardi. Infatti, il 30 giugno, avverrà la perizia tecnica sulla handbike del campione paralimpico. Con questa si potrebbe accertare anche la traiettoria del mezzo che ha portato all’impatto. Intanto, non è esclusa la possibilità di un errore umano, mentre si valuta altresì le condizioni dell’asfalto del tratto della strada statale 146 fra San Quirico d’Orcia e Pienza.

9.00: Alex Zanardi si trova nel reparto di terapia intensiva, a seguito del secondo intervento, subito nella serata del 29 giugno. Attualmente, “resta sedato e intubato, mentre le condizioni rimangono stabili sul piano cardio-respiratorio e metabolico, gravi invece dal punto di vista neurologico“, spiega il direttore dell’ospedale di Siena, Roberto Gusinu. La prognosi rimane riservata, mentre è atteso un nuovo bollettino nel tardo pomeriggio di martedì 30 giugno.

Alex Zanardi, le notizie del 29 giugno

18.30 – “Abbiamo eseguito una tac di controllo. Tale esame diagnostico ha evidenziato un’evoluzione dello stato del paziente che ha reso necessario il ricorso ad un secondo intervento di neurochirurgia“. Lo rivelano i medici del Policlinico Le Scotte di Siena. L’operazione è durata due ore e mezza, poi Zanardi è stato nuovamente ricoverato in terapia intensiva. LEGGI QUI PER I DETTAGLI

17.00: Sono davvero poche le notizie che trapelano sulle condizioni di Alex da quando la famiglia ha deciso di non emettere più bollettini giornalieri. Il campione ha trascorso la decima notte al Policlinico Le Scotte di Siena, assistito dal personale medico, e continua a essere intubato e sedato. Non si può però ancora sapere con certezza quali possano essere le conseguenze sul piano neurologico dell’impatto contro il Tir: una volta svegliato dal coma farmacologico, si valuterà con attenzione la situazione.

14.00: Barbara Manni, cognata di Alex, non ha voluto mancare all’arrivo della staffetta Obiettivo Tricolore partita lo scorso 12 giugno da Luino. La sua è una presenza discreta, ma costante: ha infatti la funzione di coordinare tappe, location e immagini. All’arrivo a Santa Maria di Leuca ha voluto sottolineare come sia stato importante per tutti non fermarsi, nonostantante quanto accaduto poco più di una settimana fa. “E’ stata una grande festa, proprio come avrebbero voluto loro. Sono davvero emozionata – sono le sue parole riportate da Sky Sport -. “Abbiamo deciso di non fermarci. Lo abbiamo fatto un’ora dopo essere arrivati all’ospedale di Siena. E’ stata una grossa responsabilità, ma ero consapevole del motivo per cui lo stavamo facendo. E questo ci ha dato la spinta per resistere fino in fondo. E, alla fine, la felicità è stata immensa. Alex, anche questa volta, aveva ragione. E Daniela pure”.

12.20: Daniela Manni, moglie di Alex Zanardi, ha rotto il silenzio che durava da qualche giorno e per farlo ha scelto il giorno conclusivo della staffetta Obiettivo Tricolore: “E’ stato stupendo, oggi questi ragazzi sono Alex – afferma – E non soltanto oggi, hanno tutti un qualcosa di Alex“. Parole importanti per la forte donna, che, nonostante la situazione difficile, ha deciso di sostituire il marito per rendere omaggio ai ragazzi che hanno portato a termine la competizione amatoriale. Questa si è svolta in più tappe per tutta Italia e si è conclusa a Santa Maria di Leuca, in Salento, domenica 28 giugno. Questo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport.

09.00: Alex Zanardi ha trascorso un’altra notte in modo stabile a l’ospedale “Le Scotte” di Siena. Le sue condizioni restano gravi, con il coma farmacologico indotto che proseguirà ancora per qualche giorno. Questa potrebbe essere una settimana decisiva per il risveglio del campione paralimpico, con i medici che stanno valutando quando diminuire l’aiuto chimico e riportare Alex in condizione di coscienza. Nei prossimi giorni il dosaggio potrebbe via via calare in modo da valutare effettivamente i danni neurologici riportati. Non sono previsti bollettini durante il corso della giornata, così come espressamente richiesto dalla famiglia qualche giorno fa.

Alex Zanardi, le notizie del 29 giugno

21.35: E’ terminata oggi con l’arrivo a Santa Maria di Leuca, nel Salento, “Obiettivo 3” la Staffetta paralimpica voluta da Alex Zanardi per “celebrare” la fine dell’emergenza sanitaria per il Coronavirus. La staffetta ha attraversato 14 regioni e 44 città. I partecipanti hanno ovviamente dedicato la fine dell’evento al grande Alex.

18.40 –  Alex Zanardi resta ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Siena. A nove giorni dall’intervento, rimane in prognosi riservata. La prossima settimana, però, i medici potrebbero decidere di diminuire il dosaggio dei farmaci e di risvegliarlo così dal coma indotto. Una ventina tra anestesisti-rianimatori e neurochirurghi si sono alternati per monitorare le sue condizioni. Rimangono prudenti, comunque, sul momento in cui potrebbero risvegliare il pilota dal coma farmacologico. Una decisione, spiegano, che avverrà in accordo con la famiglia.

12.00: Continuano le indagini sul manto stradale della provinciale 146. Gli inquirenti della Procura di Siena sono al lavoro per capire se le condizioni dell’asfalto possano aver condizionato la guida di Alex Zanardi, portandolo a perdere il controllo della sua handbike. Come riportato da Il Mattino, è possibile che una perizia indaghi qualora venisse accertato che il velocipede abbia avuto un guasto o un cedimento.

10.15: Rimangono stabili le condizioni di Alex Zanardi, ricoverato da 9 giorni all’ospedale “Le Scotte” di Siena. Secondo quanto riportato da AdnKronos, i prossimi giorni saranno importanti per valutare la possibilità di sospendere il coma farmacologico e procedere col risveglio. Al momento, l’équipe medica che se ne sta occupando non vuole però sbilanciarsi su eventuali evoluzioni del quadro clinico o giorno del risveglio.

Alex Zanardi, le notizie del 28 giugno

23.54: Si avvia alla conclusione la staffetta Obiettivo Tricolore, il cui arrivo è previsto il 28 giugno a Santa Maria Di Leuca. Il progetto è partito da Luino il 12 giugno. In questo video la penultima tappa.

L’ultima avrà come ospite d’onore il presidente della Federciclismo Renato Di Rocco. Da Santa Cesarea Terme la ciclista Samantha Demontis e l’handbiker Andrea Quarta arriveranno a Santa Maria di Leuca con un gruppo di atleti di Obiettivo3. Alle 16, nel punto di incontro dei due mari, verrà issata al cielo la bandiera, simbolo del messaggio di rinascita di Obiettivo3.

23.00:  “Forza Alex”. Con questa scritta accanto al logo, sui cartelloni pubblicitari all’interno dello stadio Olimpico, la Lazio ha sostenuto il campione prima della partita di Serie A contro la Fiorentina. Zanardi rimane in condizioni gravissime all’ospedale Le Scotte di Siena

21.50: i magistrati hanno rinviato il momento della testimonianza della moglie di Alex Zanardi, Daniela Manni. La procura dovrebbe ascoltarla la prossima settimana, ma non èescluso che si possa andare ancora più in là. In questo momento, scrive il Corriere di Siena, la priorità riguarda l’affidamento delle perizie, che è in fase di definizione.

Oggi Zanardi ha ricevuto a sorpresa la visita dell’arcivescovo, monsignor Augusto Paolo Lojudice, che ha parlato di una visita molto privata. “Ho incontrato il primario e mi ha descritto le condizioni di salute di Alex Zanardi. La situazione è seria, ma ho letto nelle sue parole una certa speranza” ha detto

20.00: secondo quanto si apprende, la Procura di Siena avrebbe in mano anche rilievi dei carabinieri sulle condizioni del manto stradale della provinciale 146. Gli inquirenti cercano di capire se l’incidente di Zanardi possa essere stato causato, in tutto o in parte, da una buca, un avvallamento, o da una fessura sulla strada. Il punto centrale non è stabilire il livello di usura dell’asfalto, ma verificare se l’handbike di Zanardi possa aver sbandato perché la ruota della sua handbike si è infilata in una buca o una fessura sulla strada. L’handbike di Zanardi, essendo da competizione, non ha schienale. Per guidarla bisogna scivolare all’interno di un telaio in carbonio. Dunque, è anche più soggetta a sbandate.

17.45: L’arcivescovo di Siena, Paolo Lojudice, ha fatto visita ad Alex Zanardi, ancora sotto coma farmalogico, e lo ha raccontato a Il Giornale. “Mi sono fermato ai piedi del suo letto, da solo, e ho pregato per lui – spiega – Il suo sguardo, nonostante la benda all’occhio colpito, mi ha trasmesso la forza, la sua voglia di vivere e di continuare a lottare“. Poi prosegue: “Alex è una grande persona e ho atteso il momento opportuno per andare a trovarlo“. Inoltre, è riuscito a parlare con i medici: “Mi sono sembrati positivi, Alex potrebbe farcela. I medici sono fiduciosi anche se il trauma è grave“. “E un grande campione, un esempio per i giovani e per tutti, tornerò a trovarti”.

15.00: All’ospedale “Le Scotte” di Siena non si ferma la dimostrazione di affetto nei confronti di Alex Zanardi. Una quantità infinita di messaggi, telegrammi, lettere e telefonate stanno continuando ad arrivare alla portineria del nosocomio toscano. Anche nella gestione di questa corrispondenza si è deciso di creare un’organizzazione interna. Tutto ciò che arriva viene depositato all’ufficio Urp e i familiari dell’ex pilota sono gli unici a potervi accedere. La spinta morale dei fan può essere secondo i medici, un altro aspetto importante nella disperata lotta di Alex.

13.00: Stando a La Nazione, i medici proveranno a risvegliare Zanardi dal coma farmacologico la prossima settimana. Alex, a 8 giorni dall’incidente, è ancora sedato in modo da consentire al cervello di “riposare” dopo il violento trauma subito in seguito all’impatto con il tir.

10.15 – A breve, l’arma dei Carabinieri dotrebbe nominare un perito informatico per analizzare i dati registrati dal Gps del ciclista che correva con Zanardi, poco prima del terribile incidente. Dalle analisi, si potrebbe ottenere l’ora esatta dell’incidente, la frequenza di pedalata e il dislivello che le bici hanno compiuto. Si potrebbero così avere riscontri anche sull’andatura dell’handbike di Zanardi.

8.30 – «Alex Zanardi è in ottime mani: Giuseppe Oliveri è una grande professionista, e a Siena operano medici d’eccellenza». Il neurochirurgo Giulio Maira si mostra ottimista sulle possibilità di ripresa di Alex Zanardi in un’intervista al settimanale Oggi.

Maira sostiene che un fisico allenato e forte sia in grado di reagire meglio al trauma, ma avverte: Zanardi potrebbe subire una perdita totale o parziale della vista se ci fosse una lesione del nervo ottico. «Ma soprattutto, bisogna vedere con quale estensione è stato danneggiato nell’impatto il lobo frontale del cervello che sovrintende alla cognizione, alla razionalità e all’emotività».

Alex Zanardi, le notizie del 27 giugno

Ad una settimana di distanza dall’incidente, le condizioni di salute di Alex Zanardi sono gravi e stazionarie. Stando agli ultimi aggiornamenti, per il momento, l’ex campione di F1 rimarrà in coma farmacologico. La possibilità di un suo risveglio, da parte dei medici, sarà valutata all’inizio della prossima settimana. Un’operazione necessaria ai fini di comprendere il suo stato neurologico.

L’impatto con il mezzo pesante, infatti, non solo gli ha provocato un rilevante trauma facciale, ma è possibile che possa aver compromesso anche il cervello. Per tale ragione al momento Zanardi è sedato, per non sforzare l’organo e scongiurare aggravamenti.

Rimangono dunque invariate le sue condizioni, come riferito nell’ultimo bollettino trasmesso mercoledì, quando i medici avevano comunicato che, durante la quinta notte di degenza, non vi erano state sostanziali alterazioni dei parametri vitali. Zanardi resta intubato e sedato, dunque, con prognosi che rimane riservata.

Il quotidiano di Torino Cronacaqui.it ha lanciato una petizione online sul celebre sito Change.org perché il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, conferisca la medaglia d’oro al valor civile ad Alex Zanardi. Il campione, si legge nella motivazione che accompagna la petizione, “rappresenta un fulgido esempio di straordinario cittadino italiano”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Zanardi, l’incidente: tre ipotesi sulle cause, decisiva una “scatola nera”

Alex Zanardi lotta tra la vita e la morte

Alex Zanardi
(Getty Images)

Un dramma, che si somma ad un’esistenza già tribolata, quello che si è abbattuto su Alex Zanardi. L’ex pilota di Formula 1, già vittima di un incidente brutale in cui perse le gambe, ora lotta tra la vita e la morte. Il destino aveva in serbo per lui l’ennesimo tiro mancino che purtroppo lo ha colpito nel bel mezzo della partecipazione ad una competizione di cui andava fiero e che rappresentava ulteriore riprova della sua resilienza.

Zanardi il 19 giugno, mentre gareggiava con la sua handbike, è stato travolto da un camion. L’incidente si è consumato in Val d’Orcia per una delle tappe della competizione Obiettivo Tricolore. Trasportato d’urgenza all’Ospedale Le Scotte di Siena è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico: al momento è in coma farmacologico, e le sue condizioni sarebbero gravi e stazionarie. Quotidianamente il nosocomio ha diramato bollettini sul suo quadro di salute, sino a mercoledì 24 giugno quando d’accordo con la famiglia ha deciso di stoppare l’attività, slavo significative variazioni.

Proseguono le indagini

incidente zanardi
(Getty Images)

Intanto proseguono le indagini attivate per comprendere il reale accadimento dei fatti ed accertare eventuali responsabilità nell’accaduto. Nella giornata di ieri i carabinieri, delegati dalla Procura di Siena, hanno provveduto a sequestrare i file del gps del ciclista vicino a Zanardi al momento dell’incidente. A breve, dopo la nomina di un consulente informatico, le informazioni contenute all’interno dell’apparecchio saranno analizzate. Si attende, dunque, un riscontro in merito a quella che poteva essere l’andatura del mezzo dell’ex pilota di F1.

Le indagini sull’incidente di Alex Zanardi si concentrano sugli aspetti tecnici. Gli inquirenti hanno annunciato l’inenzione di richiedere una informatica e ingegneristica sul Gps montato sulla bicicletta di un ciclista che era accanto al campione per risalire ai dati di andatura, frequenza di pedalata, pendenza della sua handbike.

Intanto, il presidente dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada Onlus, Alberto Pallotti, si chiede perché nessuno parli della condizione del manto stradale, che appare precario nelle foto e nelle immagini sull’incidente. L’A.I.F.V.S. Onlus, ha annunciato, si costituirà parte civile e incaricherà un perito di parte per comprendere il ruolo che il manto stradale potrebbe aver ricoperto.

I pm di Siena stanno analizzando anche la posizione dei sindaci dei paesi attraversati dalla staffetta “Obiettivo tricolore”. Se concluderanno che non si è trattato di una semplice biciclettata tra amici, allora potrebbero finire sotto indagine perché avrebbero potuto avvertire la questura della manifestazione. Ma i sindaci di Pienza, Sinalunga e San Quirico hanno confermato di non aver avuto comunicazioni a proposito di eventi o manifestazioni.

Particolarmente duro il primo cittadino di San Quirico, Danilo Maramai. “Se i pm stanno veramente lavorando per dimostrare che abbiamo sbagliato, è evidente che hanno poco da fare. Non era un evento da segnalare alla questura, era solo una biciclettata” ha dichiarato, come riporta Repubblica.

Va avanti la staffetta “Obiettivo tricolore” iniziata con Zanardi

E’ arrivata in Puglia la staffetta “Obiettivo tricolore” che i compagni di Alex Zanardi hanno deciso di proseguire anche dopo l’incidente di venerdì scorso. Il percorso della carovana tocca Foggia, Bisceglie, Polignano, Alberobello, Sava, Porto Cesareo, Santa Cesarea Terme e arriverà a Santa Maria di Leuca il 28 giugno. Parteciperanno alle ultime tappe, tra gli altri, il campione su pista Gaetano Salvemini e Carlo Calcagni, ex colonnello, contaminato da uranio impoverito che chiuderà la staffetta

A Fanpage.it parla Luca Mazzone, atleta paralimpico di Terlizzi che forma con Zanardi e Paolo Cecchetto il gruppo cosiddetto dei “tre Tenori”. Mazzone, che ha ottenuto diversi successi come atleta paralimpico, ha spiegato che le handbike possono diventare pericolose in discesa. “In quei tratti prendiamo delle velocità assurde e andiamo quasi al doppio dei ciclisti, essendo più aerodinamici” ha spiegato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Zanardi, il figlio emoziona sui social: il nuovo messaggio di Niccolò